Fiorella Mannoia sold out tra presente e passato

  • Torino/Musica

TORINO A Sanremo era data per favorita, ma all'ultimo è stata superata dal fenomeno Gabbani. «Ma la delusione è durata un attimo – ricorda Fiorella Mannoia - Perché ho capito subito che la canzone era arrivata. E i fatti mi hanno dato ragione». La canzone in questione è “Che sia benedetta”, uno dei momenti clou del “Combattente  tour” dell'artista romana: «Un pezzo in cui credo molto, perché parla di un argomento a me molto caro: l'essenza e l'importanza della vita».

Dopo il festival è ripartita a briglie sciolte con un nuovo giro di concerti e una popolarità ancora più ampia, che si è tradotta in una lunga serie di “tutto esaurito”.

E la regola viene confermata anche stasera al Colosseo, “sold out” da tempo. Il concerto torinese mescolerà passato e presente in un live dalle forti emozioni, con al centro una voce forte e ispirata in equilibrio fra titoli dalle firme illustri, da Enrico Ruggeri e Ivano Fossati, come “Quello che le donne non dicono” e “I treni a vapore”. Ma non mancheranno cover a sorpresa, ripescaggi dal primo repertorio e vari estratti dall'ultimo cd “Combattente”, fra cui il nuovo singolo “Siamo ancora qui”, un gioioso e ballabile elettropop dal testo pieno di speranza.

«Nei miei live si balla, si canta, si piange e si riflette, ci trovi tutte le sfaccettature dello spettacolo».

E se non avete fatto in tempo a procurarvi i biglietti, niente paura: Fiorella tornerà in concerto il 10 luglio al Gru Village di Grugliasco. 

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati

Il tour di Sinigalliaparte dall’Hiroshima

Sul palco con il nuovo cd “Ciao Cuore”

Ernia in concerto: «Ora vado oltre il trap»

L’artista milanese sarà venerdì al Millionaire club di Trofarello

Il violino “contaminato” di Ara Malikian

Il musicista armeno-libanese sarà stasera sul palco del Teatro Colosseo