Obiettivo Juventus sesto scudetto di fila

  • Calcio

CALCIO Vinta la Coppa Italia, tocca al campionato. La Juventus si è insomma già quasi certamente messa al riparo dal rischio di una stagione normale: avesse perso contro la Lazio e vinto solo lo scudetto nel cammino di avvicinamento alla finale di Champions, avrebbe fatto arricciare il naso ai soliti scontenti per natura. Così, invece, mal che vada sarà doppietta: pressoché nessuno ritiene infatti possibile che i bianconeri sperperino i quattro punti di margine che hanno sulla Roma nei due match che mancano, contro il Crotone domenica e il Bologna nell’ultimo turno. Servono tre punti, sempre che i giallorossi facciano bottino pieno contro Chievo e Genoa: pur tenendo conto che i calabresi nelle ultime sette giornate hanno raccolto 17 punti (a pari merito con il Napoli), difficilmente lo Stadium concederà loro scampo.
Comunque sia, il campionato è ancora vivo a 180’ dal termine e non era per nulla scontato che succedesse: la corsa per la piazza d’onore (con qualificazione diretta alla Champions) è anzi più che mai accesa e il Napoli (a meno uno dalla squadra di Spalletti) ci crede ancora, ospitando domani sera la Fiorentina e chiudendo poi a Marassi contro la Samp. Tutto aperto, ovviamente. Mentre la Lazio è già certa dell’Europa League, l’Atalanta cerca un punto per la qualificazione diretta e Milan (in casa con il Bologna) e Fiorentina sprintano per il sesto posto, con i rossoneri che partono da +1. Quanto alla lotta per non retrocedere, previsti fuochi d’artificio pure lì: il Genoa è sull’orlo di una crisi di nervi ma ha due lunghezze di margine sul Crotone e ospita un Toro teoricamente arrabbiato, mentre l’Empoli (+1 sui calabresi) aspetta l’Atalanta dei miracoli. Si vedrà.

DOMENICO LATAGLIATA

Articoli Correlati

Addio tessera del tifosoBiglietti fino all'ultimo momento

Restano i biglietti nominali e il posto fisso

Ora anche Verrattiè nella scuderia di Raiola

L'annuncio, su Instagram, è dello stesso centrocampista abruzzese che interrompa così il rapporto con il precedente agente, Di Campli.

Cassano lascia anzi no“Un momento di debolezza”

Fantantonio ha annunciato di aver ripensato la decisione di lasciare i gialloblù e il calcio: «Avrei fatto un grave errore»