Ambientalisti: «Stop alle auto nel Valentino»

  • TORINO/AMBIENTE

COMUNE Ambientalisti compatti contro il sindaco Appendino, rea di aver concesso il parco del Valentino al Salone dell’Auto. La protesta porta la firma di  Italia Nostra, Pro Natura e Salviamo il Paesaggio. Le associazioni si scagliano contro il Salone  che anche quest’anno invaderà il parco, trasformandolo dal 7 all’11 giugno in un un evento fieristico “en plein air” con stand, padiglioni e motori.

Nella lettera inviata alla Sindaca le associazioni  denunciano l’“espropriazione” dello storico parco della città, dove “già a partire dal 10 maggio sono cominciati i lavori di montaggio dei primi allestimenti di pedane e strutture metalliche”, compreso un “ingresso trionfale” attorno all’Arco monumentale all’Artigliere. 

“Il Salone si annunzia ancora più grande e più invasivo: tra allestimento, svolgimento e smontaggio, il principale parco di Torino verrà reso in gran parte inagibile al  pubblico per oltre un mese, in omaggio a una grossa iniziativa commerciale rivolta all’auto che farà a pugni con la destinazione pedonale del parco, sancita da norme e regolamenti”,  si legge nella missiva.

Ma è soprattutto alla Sindaca che sono rivolte le critiche, perché in campagna elettorale aveva promesso di bloccare l’utilizzo del Valentino come polo fieristico. I mittenti chiedono infine che i parchi siano utilizzati solo per iniziative a “basso impatto ambientale”. SIMONA LORENZETTI