Truffa dell'argento sequestro da 10 mila kg

  • TORINO

TORINO Dieci tonnellate di argento falso sequestrato e 29 persone denunciate per frode in commercio. È il bilancio di una maxi operazione portata a termine nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza di Torino, che ha sequestrato oltre 60 mila oggetti d’arredo e articoli di bigiotteria falsamente etichettati in argento.

L’indagine è partita da alcuni controlli in negozi di Porta Palazzo gestiti da cinesi e nordafricani. A insospettire i militari i prezzi troppo bassi di vendita. Risalendo la filiera si è scoperto che tutti gli oggetti erano importati da Belgio, Svizzera, o dalla Repubblica Popolare Cinese, pur essendo etichettati Made in Italy. Oltre 30 le perquisizioni, prevalentemente a Torino e provincia ma anche nel milanese, eseguite nella giornata di ieri. Il valore delle 10 tonnellate del metallo sequestrato si aggira intorno ai 3 milioni di euro.

Secondo l’accusa i 29 indagati, titolari di negozi, avrebbero commercializzato, per anni, sul territorio nazionale migliaia di cornici portafoto, elementi d’arredo, vassoi e teiere falsamente etichettati “Silver” o “Silver Plated”. Buona parte degli articoli, composti da ferro e rame, sono finiti anche all’interno di noti locali etnici, nella zona della movida di Torino e nel Quadrilatero Romano. I finanzieri hanno inoltre sequestrato migliaia di monili, collane e braccialetti composti da pietre dure semi-preziose spacciate per turchesi, perle o quarzi ialini. Adesso gli oggetti sequestrati che non contengono elevate percentuali di nichel, e quindi non sono pericolosi, saranno donati in beneficenza.

SIMONA LORENZETTI

Articoli Correlati

No Tav, a Chiomonteestesa la zona rossa

Torino, estesa con un'ordinanza la zona rossa attorno al cantiere di Chiomonte, in Val di Susa

La Schellino vicesindaca Maggioranza ricomposta

Appendino parla di clima di condivisione. Il test lunedì

Pollicino via dal M5SLa “conta” decisiva

La maggioranza della Appendino perde un pezzo. Montanari vaticina una città «inchiodata». Il caso Motovelodromo