Palumbo commissario per l'emergenza rifiuti

  • AMBIENTE

ROMA Un commissario per la gestione di Colari e Giovi, le società di Cerroni e per evitare che Roma finisca in emergenza rifiuti. Il compito è nelle mani di Luigi Palumbo, nominato  sabato sera Commissario per la straordinaria gestione del Consorzio Colari e della Società E. Giovi srl, raggiunte da interdittiva antimafia. La firma è del Prefetto Paola Basilone.  «In tempi rapidi grazie ad una efficace collaborazione interistituzionale -. si legge in una nota - si è intervenuti con tempestività per garantire il normale processo di trattamento dei materiali post consumo della Capitale». Una nomina che permetterà ad Ama di pagare le fatture in scadenza ad aprile e che consentirà il pieno conferimento dei rifiuti negli impianti di Cerroni.

La sindaca
 E ieri la sindaca Raggi ha scritto nella rubrica “La sindaca informa” sul sito del Comune: «Vogliamo arrivare entro il 2021 al 70% di raccolta differenziata e ridurre di 200 mila tonnellate la produzione di rifiuti annuali, attualmente a 1 milione e 700mila. Sono alcuni degli obiettivi inseriti nel Piano per la riduzione e la gestione dei materiali post-consumo 2017-2021, presentato in settimana. I rifiuti sono una risorsa e per questo deve partire un'autentica conversione ecologica ed economica. È un piano ambizioso, con una visione strategica a medio-lungo termine, l'unica possibile per prevenire eventuali situazioni emergenziali».

L’Ama su Malagrotta
«È completamente errato parlare di “riapertura” della discarica di Malagrotta, discarica che è chiusa dal 1° ottobre 2013 e resta tale. Le strutture di cui l’ azienda potrà e dovrà continuare a servirsi, sulla base delle disposizioni della Regione Lazio e dell’ ordinanza del Sindaco, sono i due impianti di Trattamento Meccanico Biologico (TMB) di proprietà della società E. Giovi del gruppo Co.La.Ri»: così ieri l’Ama in una nota.

METRO

Articoli Correlati

"La mia Killer netcontro la plastica"

Adriano, 16 anni ha fatto una rete con 9000 cannucce raccolte in spiaggia

Vietati dal 2021piatti di plastica e cannucce

La messa al bando è stata decisa definitivamente dall'Unione europea

E' italiana la plastica che salverà il mondo

È stato brevettato un biomateriale che può essere lavorato negli impianti tradizionali