Sempre più car sharing

  • Car sharing

MOBILITA'. Si chiama Urbi l’app che aggrega i principali sistemi di mobilità urbana e condivisa nelle principali città italiane ed estere. Consiglia il servizio migliore per il percorso da compiere, indica i costi, i tempi di percorrenza e le distanze dai veicoli grazie solo ad un smartphone. È proprio grazie ad un loro studio che oggi veniamo a conoscenza dello stato attuale del carsharing in Italia, in occasione del convegno “Smart Mobility in Smart Cities” che si è svolto presso l’Università degli Studi di Milano. Secondo Urbi, la mobilità condivisa starebbe crescendo in tutta Italia con un trend positivo costante del +35%, che ha consentito di percorrere 30.000.000 di km in appena 6 mesi. Numeri che richiedono una certa attenzione. Sotto la lente di ingrandimento le città di Milano, Torino, Firenze e Roma e i servizi offerti dai principali operatori di sharing mobility come Car2go, Enjoy, Share‘n go, DriveNow e ZigZag. L’utente medio del car sharing è maschio, il 75% è uomo e il 25% è donna, con una età compresa  tra i 25 e i 44 anni e un 15% tra i 45 e i 54 anni. Non si può dire che il carsharing non piaccia, ma vediamo nello specifico di quanto ore di noleggio i clienti usufruiscono nelle città analizzate. Durano in media 25 minuti in Italia i noleggi dei veicoli del car sharing. A Milano si registrano ogni giorno 5.415 ore di noleggio, segue Roma, con un totale giornaliero di 2.551 ore.  Torino totalizza invece 1.123 ore di noleggio giornaliero e Firenze 639. In totale le ore di noleggio sono state 1.800.000. Ma qual è la fascia oraria in cui girano più auto condivise? Non ci sorprende che i principali  picchi di utilizzo nelle giornate si concentrano il venerdì e sabato, la media settimanale dell’uso del car sharing nella città di Milano, risulta quella compresa tra le 18 e le 20, mentre per il restante la percentuale di utilizzo è pari al 10%, ma ricordiamoci che resta alta anche la percentuale di chi dopo le ore 22 preferisce il car sharing ai bus notturni (8,4%).
Urbi infine analizza il numero delle flotte presenti in ogni città, arrivando ad una considerazione finale. Le flotte di car sharing in Italia contano 5.030 veicoli di cui 2.386 a Milano, 1.570 a Roma, 610 a Torino e 464 a Firenze. «A Torino e Firenze, il numero di veicoli, invece di aumentare, è diminuito negli ultimi 6 mesi rispettivamente dell'8% e del 12%. Eppure questo non ha fermato i cittadini che sempre di più scelgono di usare i servizi di mobilità condivisa», dichiara Emiliano Saurin, founder di Urbi. 
«Il fatto che Torino abbia avuto il maggior incremento di viaggi in car sharing in Italia dimostra che questi sistemi, anche in mancanza di grandi flotte, sono sempre più importanti nella vita quotidiana delle persone e che, anche grazie a Urbi, sono sempre più alla portata di tutti».
Diletta Piazza

Articoli Correlati

L'auto si aprecon uno smartphone

L’idea è del brand Toyota, che si va ad aggiungere all’elenco delle altre aziende che già puntano sul car-sharing

Mobilità sostenibileLa Capitale è sul podio

Roma è la seconda città d'Italia per utenti che utilizzano il car sharing. L'assessore Meleo: "Ora puntiamo anche sulle bici"

Le Blue Cararrivano a Torino

Dal 24 ottobre anche Torino potrà utilizzare il carsharing elettrico