Bruni Tedeschi & Accorsi La pazza gioia del cinema

  • David Di Donatello 2017

ROMA Forte delle sue 17 candidature, ai David di Donatello ha trionfato l'ironia mista al dramma de “La Pazza Gioia” (miglior film) di Paolo Virzì (miglior regia), con Valeria Bruni Tedeschi (miglior attrice). Il David è andato anche a Stefano Accorsi, miglior attore  per “Veloce come il Vento” di Matteo Rovere, che ha avuto anche altri 5 premi tecnici.

Accorsi e Bruni Tedeschi, due attori simbolo del cinema italiano, ma molto amati anche in Francia, raccontano a caldo le loro emozioni. 

Vi aspettavate questo premio? 
V. B. T. - Mi aspettavo che venisse premiato il film perché è stato molto amato. Per me è un bel momento di festa.
S. A. - Se sei candidato ci speri sempre. La cosa importante è che un film sui rally a basso budget abbia avuto 16 candidature e sia stato premiato.

Beatrice e Loris sono due ruoli complessi. Cosa ha significato per voi interpretarli? 
V.B.T. - Provo gratitudine perché è un ruolo scritto molto bene e quindi per un attore è più facile interpretarlo. Ma se non esistesse Donatella (interpretata da Micaela Ramazzotti, ndr), Beatrice sarebbe ancora a Villa Biondi, sola e dimenticata. 
S.A. - Sono molto provato dal brutale dimagrimento. Matteo Rovere mi ha chiesto di premere sull'acceleratore del personaggio. È stato un film felice dall'inizio alla fine. 

Cosa vi portate nel cuore del vostri ruoli? 
V. B. T. - La voglia di Beatrice di trovare la gioia malgrado la disperazione. 
S.A. - La spontaneità di Loris, fin dal primo giorno di riprese, quando ha esclamato: “Vacca boia!”.

Valeria, al cinema ci sono ancora bei ruoli per le donne?  
Sì, il cinema è fatto di donne, da sempre ama le donne, i visi delle donne e adesso si sta aprendo a donne di altre età. 

Stefano, dove metterà il David?  
A casa mia, sullo scaffale. Brilla tanto, c'è qualcosa di ipnotico. Credo che lo guarderò per un po'. 

Valeria, il suo discorso è stato davvero la rappresentazione della pazza gioia tanto che è diventato virale sui social... 
Senza farlo apposta ho ripreso il filo del personaggio: Beatrice ha preso il sopravvento, ho perso il controllo. 

BARBARA NEVOSI

Articoli Correlati
David Di Donatello 2017

Valeria Bruni Tedeschidiventa virale

L'opinione di Patrizia Pertuso