Abusi su minorenni nelle scuole di calcio

  • TORINO

TORINO Sesso in cambio di un posto da titolare in squadra. È uno degli aspetti più inquietanti dell’inchiesta della procura di Torino che ruota attorno a due società torinesi di calcio giovanile. L’indagine, della polizia postale di Torino, ha portato nei giorni scorsi alla notifica di tre misure cautelari.

Un allenatore 20 enne è stato arrestato e ora si trova agli arresti domiciliari. In carcere è invece finito un allenatore 50 enne che sfruttava il collega più giovane per collezionare materiale pedopornografico e che in passato era già stato denunciato per lo stesso reato. Obbligo di firma per un arbitro, che con la scusa di massaggi tonificanti tentava approcci sessuali. Pedopornografia minorile e violenza sessuale le accuse contestate a vario titolo nei confronti dei tre uomini.

L’indagine è durata oltre un anno. A far scattare gli accertamenti della Polizia Postale è stata la denuncia per violenza sessuale dei genitori di un sedicenne con la passione del pallone. Il suo allenatore, un ventenne torinese, lo aveva invitato a dormire a casa sua dopo la preparazione atletica per un importante match e in quella occasione aveva tentato un approccio sessuale. Nelle fasi successive dell’inchiesta si è poi scoperto che l’allenatore, dopo essersi procurato la fiducia dei giovani calciatori, interagiva in chat con loro per sedurli con la promessa di un ruolo da titolare in squadra o di altri favori personali.
Dal materiale sequestrato è emerso un comportamento “seriale” da parte del 20 enne per adescare le proprie prede, individuandole in base all’età.

SIMONA LORENZETTI

Articoli Correlati

San Giovanni: 7 varchiper accedere alla piazza

Le misure: aree transennate e corridoi per le emergenze La capienza sarà di 48 mila spettatori per i fuochi d’artificio

Piazza Santa GiuliaPolemiche sugli scontri

Critiche alla sindaca per la delibera «scritta di pancia», ma anche per la gestione dell’ordine pubblico

Rom evasa: controllianche alle frontiere

La figlia affidata a una struttura protetta. Sui social la rabbia dei parenti del centauro travolto dalla donna