Abusi su minorenni nelle scuole di calcio

  • TORINO

TORINO Sesso in cambio di un posto da titolare in squadra. È uno degli aspetti più inquietanti dell’inchiesta della procura di Torino che ruota attorno a due società torinesi di calcio giovanile. L’indagine, della polizia postale di Torino, ha portato nei giorni scorsi alla notifica di tre misure cautelari.

Un allenatore 20 enne è stato arrestato e ora si trova agli arresti domiciliari. In carcere è invece finito un allenatore 50 enne che sfruttava il collega più giovane per collezionare materiale pedopornografico e che in passato era già stato denunciato per lo stesso reato. Obbligo di firma per un arbitro, che con la scusa di massaggi tonificanti tentava approcci sessuali. Pedopornografia minorile e violenza sessuale le accuse contestate a vario titolo nei confronti dei tre uomini.

L’indagine è durata oltre un anno. A far scattare gli accertamenti della Polizia Postale è stata la denuncia per violenza sessuale dei genitori di un sedicenne con la passione del pallone. Il suo allenatore, un ventenne torinese, lo aveva invitato a dormire a casa sua dopo la preparazione atletica per un importante match e in quella occasione aveva tentato un approccio sessuale. Nelle fasi successive dell’inchiesta si è poi scoperto che l’allenatore, dopo essersi procurato la fiducia dei giovani calciatori, interagiva in chat con loro per sedurli con la promessa di un ruolo da titolare in squadra o di altri favori personali.
Dal materiale sequestrato è emerso un comportamento “seriale” da parte del 20 enne per adescare le proprie prede, individuandole in base all’età.

SIMONA LORENZETTI

Articoli Correlati

Confessa l'omicidadel triangolo amoroso

Arrestato Daniele Uberti, del cuneese, per il delitto Amoruso: lui però nega il movente passionale

Riscossioni in crescitama è polemica sulle multe

I dati semestrali della Soris sono “promettenti”. Ma il Pd critica: non si può fondare il Bilancio sulle multe

Ergastolo a Schirripaper l'omicidio di Caccia

Il giudice ucciso nell’83. L’imputato: «Mi avete condannato perché sono calabrese e con precedenti»