Eliminati i voucher resta il precariato

  • Maurizio Guandalini

L'OPINIONE Il referendum sui voucher,  sì o no, è il 28 maggio. Il Parlamento farà una legge per evitarlo. Non tifo per i voucher.  Pagare il lavoro  con ticket da 10 euro - di cui 7,50 netti, il resto va all’Inps, senza diritti e tutele -, non è il massimo. Però non ho la certezza, di altri, che una volta tolti i voucher,  scomparirà il precariato. Il sindacato, la CGIL in particolare, l’ha messa giù così. Ma il mio consiglio è di andarci cauti con le facili illusioni. Il confine tra fare il lavoretto con il voucher e rimanere con le mani in mano è sottile. Perché, raccontiamocela giusta, il busillis sta qui. L’operazione di restringere il parco dei lavori retribuibili con il voucher è sottoscrivibile. Il rischio è che aumenterà ancora di più il nero (spesso con il voucher si paga un’ora e le altre sette in contanti), che i giovani a piedi cresceranno, che la possibilità di imparare dei lavori qua e là verrà meno. 

Non nascondiamoci dietro un dito. Il precariato l’abbiamo fatto  tutti. Quando iniziai a lavorare, giovanissimo, raccoglievo saltuariamente pubblicità, non ho mai conosciuto i versamenti all’Inps o contratti. Vero è che non si può continuare all’infinito nella precarietà. E’ in questo salto tra la precarietà e il lavoro “in carreggiata” che manca la controparte. Il datore di lavoro. Vuoi perché gli fan comodo le vie di mezzo, o semplicemente perché non ha sufficiente giro per far sì che una persona stia a stipendio pieno.  Servirebbero i controlli a tappeto, oltre alla tracciabilità del voucher. Chi li fa? Le risorse? Va bene. Sfoltiamo i voucher.  Solo per le famiglie, per prestazioni occasionali di pensionati  e studenti.  Acquistabili all’Inps e non dal tabaccaio. Però leviamoci dalla testa, dopo aver appurato che il precariato non scompare, che domani ci sarà più lavoro. Gira e rigira ritorniamo al Jobs Act. La sola e unica frontiera, decente, malgrado gli attacchi sconsiderati, per combattere il precariato. Gridare no a una cosa, no all’altra, sempre no, e chiedere  lavoro come  fosse una cosetta facile facile,  ci pare più la diligenza dell’apprendista  stregone che del “buon padre di famiglia”.

MAURIZIO GUANDALINI
Economista e giornalista

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

Se la competenzaè un optional

Non basta una cravatta, un taglio di capelli regimental, un vestito color blu mare
Maurizio Guandalini

Meno male che c'è Minniti

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Un Paese in balìa

L'opinione di Maurizio Guandalini