Gruppi di auto-aiuto per genitori separati

  • Famiglia

MILANO Spostare l’attenzione di due persone che si stanno separando dalle proprie frustrazioni alla crescita serena dei figli, ritrovare un dialogo almeno come genitori: a volte può essere davvero complicato e diventa necessario un intervento  esterno che aiuti a ritrovare un po’ di pace. A questo scopo è nata nel 2012 a Milano  l’associazione Genitori Con-divisi, grazie all’intraprendenza della dottoressa Adriana Massarani, già avvocato civilista e per questo sempre a contatto con le storie difficili che ogni separazione si porta dietro.
  «La nostra associazione- spiega a Metro la dottoressa Massarani - opera essenzialmente organizzando ogni settimana incontri di gruppo, rigorosamente gratuiti , nei quali i genitori, possono confrontarsi, condividere i propri problemi di separati, relativizzarli perchèricevono consigli sia da parte degli altri partecipanti, che si trovano nella stessa situazione, sia dalle figure professionali sempre presenti e cioè psicologi esperti di età evolutiva e di adulti e avvocati preparati nel diritto di famiglia.  Gli incontri durano un’ora e mezza e poi segue una fase più colloquiale dove i partecipanti, mangiando un dolce e bevendo qualcosa insieme, si scambiano impressioni e consigli personali».

Anonimato e privacy
I tre principi che vigono nel lavoro di gruppo sono tre: il non giudizio, l’anonimato e la riservatezza, perché ciò che viene detto durante il gruppo di aiuto non deve essere divulgato.
 «Non mancano poi - continua l’avvocato - momenti più ricreativi ed aggreganti, come la partecipazione a spettacoli teatrali, visite a mostre, o assistere ad una proiezione cinematografica di argomento attinente. Abbiamo anche allestito uno spazio in cui i genitori separati, soprattutto i padri, con il sostegno di psicologi, mediatori culturali e volontari possono fare veramente i genitori, e quindi accompagnare i figli nell’effettuazione dei compiti e giocare con loro, rinsaldando legami importanti che nelle fasi più critiche del conflitto genitoriale possono essere messi a dura prova».

Progetti in atto
Nell’autunno del 2016 l’associazione Genitori Con-divisi ha vinto due progetti, ottenendo il sostegno finanziario del Comune di Milano e del’otto per mille della Chiesa Valdese.  
Entrambi i progetti  sono stati pensati per dare sostegno soprattutto ai genitori non collocatari, cioè quelli che non hanno la residenza con i figli, in gran prevalenza i padri. Per informazioni telefonare al numero 3476623134.

VALERIA BOBBI

Articoli Correlati

Genitori alle presecon il primo distacco dal bebè

Il vademecum stilato da top Doctors

Divorzio, l'assegnoricambia così

Le sezioni unite civili della Cassazione: «Bisogna tenere conto dell’apporto dato da ciascun coniuge alla vita familiare comune»

Gay, Tiziano Ferrocontro ministro Fontana

Il cantante: «Non voglio sostegno ma non voglio sentirmi invisibile»