Meningite fulminante morta professoressa 54enne

  • Milano

SALUTE È morta giovedì alle 12,35  dopo 24 ore di agonia Giovanna Viganò, l’insegnante 54enne dell’Istituto “Curie Sraffa” di via Zoia, colpita da meningite. La donna era arrivata all’Ospedale San Paolo mercoledì pomeriggio e le sue condizioni erano sembrate da subito molto gravi. Una volta diagnosticata la meningite da meningococco, sono scattate le misure anti contagio e gli esperti si sono messi al lavoro per identificare con esattezza il ceppo del batterio responsabile. 

“Già nella serata di mercoledì – ha detto l’assessore regionale al Wellfare Gallera - sono stati raggiunti i contatti extra scolastici (4 familiari e 7 amici) della paziente, che sono già stati sottoposti a profilassi antibiotica”. Ieri mattina è toccato a tutti gli alunni delle 9 classi della professoressa.

Fin dalla mattina, Ats (Agenzia tutela salute)  e direzione scolastica del “Curie Sraffa” hanno avviato le indagini per ricostruire le attività didattiche e i contatti avuti dall’insegnante all'interno della scuola, informando contestualmente le famiglie dei ragazzi e organizzando un incontro con i genitori degli studenti e i docenti per fornire tutte le informazioni del caso.

“Mi preme ribadire che il sistema di  sorveglianza regionale delle malattie infettive permette di  identificare e controllarne lo sviluppo. E che circa il meningococco, non vi è alcuna emergenza o  epidemia", ha aggiunto Gallera.  Per il direttore del Servizio di igiene e sanità pubblica dell'Ats, "questo caso rientra nelle statistiche: ci aspettiamo un paio di episodi di questo tipo al mese, anzi sarebbe curioso il contrario". Il decesso della mastra si aggiunge a quelli delle due studentesse della Statale avvenuti ad agosto e dicembre 2016  e al caso del 45enne finito in coma l’8 agosto 2016. METRO

Articoli Correlati

Tutti in bici per salvare i due bus della Brianza

Cittadini e comuni dicono no alla soppressione del Z-225 e Z-227. A rischio 8 mila passaggi-giorno

Nuovo Cda AtmLuca Bianchi per il dopo Rota

Il manager in pole position per il vertice

Arrestato primario per tangenti e lesioni

Ai domiciliari Norberto Confalonieri del Pini