Gli analfabeti funzionali

  • Maurizio Guandalini

Allarme da biro rossa. Seicento docenti universitari hanno scritto un appello al governo (ma perché al Governo?!) sottolineando, a più mandate, che i ragazzi non sanno l'italiano.
Che fanno errori da terza elementare. Scrivono tesi come fossero degli sms. La colpa è dei 140 caratteri d'ordinanza? Troppo comoda risolverla così. E' come dare la colpa alla legge sul divorzio perché i matrimoni si sciolgono. L'educazione, l'insegnamento, l'esempio. Vecchia cianfrusaglia, per qualcuno. Ma, qualche decennio fa, con un gioco a zona, stretto stretto, a tenaglia, scuola e famiglia insieme, qualcosina, abbiamo portato a casa. Niente di stupefacente. Ci si arrangia, insomma. Senza guizzi.
C'erano maestre non laureate, mentre oggi sono pluridecorate e 4 o 5 per classe, severe, che marcavano l'erroraccio scrivendo cubitale “analisi logica o etimologia – e vai con il compitino, alle scuole medie, uno tutti i giorni -,  e famiglie che in casa facevano girare qualche libro, dei giornali, così la passione, di sfogliarli e leggerli, ti veniva. Fin da prima delle elementari ho visto appiccicata al muro di casa una biblioteca, con tanti volumi e sulla tomana dei quotidiani. Andava alla grande.

Nel contemporaneo andazzo i giornali rimangono impilati nelle edicole mentre ci sono più libri che lettori (in un anno 6 persone su 10 non hanno mai sfogliato un volume). Non mi spaventa tanto il giovinastro che mette l'apostrofo dove non ci va o quello che si spertica in congiuntivi gratis. Dovrebbe valere il principio “non scrivo come Dostoevskij ma l'ho letto”. A me preoccupa di più portare a casa un giovane che ragiona, che sa un po' di geografia e di  storia, un giovane in grado di fare discorsi logici e analisi dei problemi, al di fuori del seminato nozionistico scolastico. Leggo quello che pensa la diciottenne Sofia Viscardi, 2 milioni di follower e 'mi piace'. In italiano basta farsi capire. Ci sono esempi di letteratura alta, definita selvaggia, alla Pietro Ghizzardi che ha vinto il premio Viareggio con “Mi richordo anchora”, con la “h” tra la c e la o. Mi spaventa il dato drammatico del 70% di italiani analfabeti (alcuni lo danno  al 50%, insieme alla Spagna abbiamo la maglia nera nel  mondo). Quell’analfabetismo funzionale che porta a non comprendere la società complessa, come ha scritto Mimmo Candito su la Stampa. Gente normale, in grado di leggere e far di conto, che non riesce  ricostruire ciò che hanno ascoltato, o letto, o guardato in tv o sul computer. Sono analfabeti funzionali perché hanno perduto la funzione del comprendere e spesso non se ne rendono conto.

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

La rinfrescataalla memoria

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Il vigore di Bruxellessul copyright

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Per crescere non servechiudersi a riccio

L'opinione di Maurizio Guandalini