La Città Metropolitana chiede fondi anti-smog

  • Milano

CITTA' La pioggia di ieri, e di oggi, dovrebbero finalmente abbassare i livelli di polveri sottili, che secondo i rilevamenti di ieri (relativi all’altro ieri) erano ancora elevatissimi: l’area milanese, con la bellezza di 141,7 microgrammi al metro cubo, ha raggiunto il 6° giorno oltre i 70 microgrammi, avvicinandosi così al 7° fatidico che comporta un inasprimento delle misure anti-diesel.

Nel frattempo, l’attenzione della politica, pioggia o non pioggia, prova comunque a fare i conti con un inquinamento inaccettabile dell’aria. Si è mossa, ieri, la Conferenza Metropolitana dei sindaci, che ha approvato una mozione diretta al presidente Giuseppe Sala e alla consigliera delegata alla mobilità, Siria Trezzi, impegnandoli ad «avviare un confronto con la Regione» e «ad attivarsi presso il Governo» contro i tagli al Tpl. Obiettivo, dare risorse all’Agenzia per il Tpl della Città metropolitana di Milano, Monza e Brianza, Pavia e Lodi. Il tema è quello dei tagli alle corse avviati dall'1 febbraio (ma sospesi fino a fine mese), che comportano una riduzione del 9,4% delle percorrenze 2016, pari a circa 750.000 km/anno in meno, attraverso la soppressione delle linee Z 225 Nova Milanese-Cinisello- Sesto e della linea Z 227 Lissone-Muggiò-Cinisello-Sesto su cui viaggiano ogni giorno oltre 4000 passeggeri.

METRO

Articoli Correlati

Statale, sulle tasseè guerra aperta

Ricorso dell'Unione degli studenti contro i livelli delle tasse universitarie. Ma l'ateneo risponde seccamente

Lorenzin: "Ema? Un paccoSe l'avesse fatto L'Italia..."

Agenzia del farmaco, la ministra: "Io non mi sono arresa"