Tempi lunghi e tempi corti

  • Jobs Act

Toccata soglia 40%. Sono i giovani senza lavoro tra i 15 e i 24 anni. Soluzioni? Le cifre Istat sono pietrificate su questi numeri. Almeno in Italia. Perché in Germania la disoccupazione è ai minimi.
Punto a capo, che la colpa non è del Jobs act, che il Governo non può essere processato perché il lavoro non lo crei nel retrobottega, e nemmeno si può dire che non vi siano incentivi per  le imprese, cosa rimane? La cristiana rassegnazione? Gli sputa ricette preconfezionate rispondono: crescita e innovazione. Tutto e niente. Qui il problema non sono i tempi lunghi quando, forse, ci saremo dotati di una strategia industriale, quello che vogliamo fare e come, e di maggiori investimenti stranieri, da noi, oltre ad un aggiornamento della mentalità sindacale con una bella rivoluzione nelle imprese dove il merito è mal pagato e nei modi di trovare lavoro, frutto per lo più della classica raccomandazione.  
Ma domani, rapidi rapidi, cosa si può fare per invertire il trend? Seguite i concorrenti dell’Eredità, su Raiuno, all’ora di cena. Per lo più giovani laureandi che vogliono fare i giornalisti per girare  il mondo (è solo emozione,!?, se, poi, vedono il Monte Bianco  in Sardegna). Oppure, vogliono entrare nel mondo dello spettacolo. Gli altri  solo avvocati e magistrati, in particolare i giovani del  Sud.

C’è una stortura nel nostro sistema scolastico e famigliare. Va bene spingere i giovani alla laurea ma indirizzarli a qualcosina di più manuale non sarebbe  male. Non abbiamo una scuola delle Arti e dei Mestieri (e neppure del Made in Italy)  per imparare la grammatica,  la matematica e come usare un tornio o un badile. Viviamo di flash mob. Tira la cucina, tutti a fare l’alberghiero. Tirava la comunicazione, negli anni Ottanta, tutti a fare tv. La tragedia scolastica è quella di sponsorizzare sogni vuoti, basta affamare la bestia: intasare le facoltà di comunicazione mentre i giornali chiudono non è cosa buona e giusta.
Piedi per terra e tanta volontà, imparare un mestiere deve essere l’obiettivo (anche fare il giornalista che non vuol dire diventare Mentana), sfondare e far soldi lo lasciamo al gratta e vinci. Nei paesini e nelle città metropolitane abbondano negozietti con sarte che ti fanno l’orlo dei pantaloni o rammendano abiti. Per lo più sono cinesi. Di grazia, c’è un ritorno all’agricoltura. I giovani, dopo le superiori non disdegnano i campi. Con le coltivazioni bio e green si aprono tante possibilità.  C’è poi il turismo che ha sete di idee e di manovalanza. Ovunque. Si può fare anche, ahinoi, in piena solitudine. E’ uno dei pochi casi dove l’Europa è benevola.

MAURIZIO GUANDALINI

Articoli Correlati

In Francia il jobs actsenza il sì dei deputati

Il Consiglio dei Ministri approva il ricorso a una clausola che permette l’adozione della legge per decreto senza votazione

Consulenti del lavoroin primo piano

Un ruolo centrale nel nuovo quadro regolatorio tracciato dai decreti del Jobs Act

Sciopero generaleI renziani attaccano la Cgil

Proclamato per il prossimo 5 dicembre. Il Pd attacca: protesta dell'Immacolata