Casa di proprietà o in affitto? Una mini-guida

  • Immobiliare

IMMOBILIARE.  Casa dolce casa. Si sa, gli gli italiani hanno sempre avuto un’alta propensione all’acquisto dell’abitazione e nonostante la crisi degli ultimi anni, ancora oggi, considerano l’immobile un buon investimento. L’acquisto della casa - spiegano gli esperti dell’Ufficio studi  Tecnocasa  presuppone che si abbia un capitale iniziale a disposizione che copra almeno il 20 per cento del valore dell’immobile e le spese legate all’acquisto. Se si sceglie l’affitto, invece - basta un capitale minimo sufficiente a coprire le spese relative al deposito cauzionale. Vediamo insieme quali i vantaggi dell’una o l’altra soluzione: 
Acquistare casa
1) Bisogno di sicurezza e di stabilita`: questo soprattutto se si acquista la prima casa; in Italia  appena si realizza l’indipendenza economica e si ha un capitale da parte si procede a fare il passo. 2) Rivalutazione del capitale: sia che lo si utilizzi per sé e sia che si decida di affittarlo l’immobile e` sempre un buon investimento in termini di rivalutazione del capitale. Dal 1998 ad oggi il valore delle case ha registrato un incremento nominale medio del 35%. 3) Cogliere le occasioni presenti ora sul mercato: dopo 7 anni di ribassi di prezzo, in questo momento, si possono trovare ancora degli immobili a prezzi accessibili. In piu i tassi convenienti rappresentano oggi un buon motivo per comprare casa. 4) Scegliere la casa che si desidera o trasformarla nella casa che si desidera: comprando l’immobile lo si puo` modellare sulle proprie esigenze..  5) Lascito ai figli: negli ultimi anni questo e` uno dei motivi che ha preso piu` piede tra gli acquirenti, che vedono nella casa di proprietà un’eredità per i figli.
Andare in affitto
Potrebbe essere dettato da una precisa volonta` ma anche da una necessita`, soprattutto quando non si ha un capitale iniziale. Ipotizzando che si abbiano comunque i requisiti per acquistare casa i motivi che possono indurre a scegliere l’affitto sono: 
1) Non immobilizzare il capitale, a volte di importo cospicuo, che cosi` puo` essere destinato ad altri utilizzi o ad altre attivita`.2) Garantirsi una maggiore mobilita` potendo cosi` cambiare piu` facilmente citta`, quartieri o case. 3) Essere certi delle spese mensili (in questo caso i canoni di locazione) che si dovranno sostenere e non doversi occupare di impreviste spese di manutenzione straordinaria che in genere possono essere gravose. 4) Abitare in case che non si potrebbero acquistare (perche´ non si ha il capitale iniziale o perche´ non si otterrebbe un mutuo sufficiente). 5) Non dovere pagare le spese legate all’acquisto dell’immobile (imposte sull’acquisto,  provvigione all’agenzia immobiliare, spese notarili).

METRO

 

Articoli Correlati

Studentati, il mercatopotrebbe raddoppiare

L’offerta di posti letto copre oggi l’8,6 % della domanda con un margine di crescita al 15%

Quotazioni immobiliari più alte nelle città universitarie

L’analisi del Centro Studi di Abitare

In Italia sale la domanda del business casa-vacanza

L’analisi Tecnocasa: gli stranieri ritornano ad investire nel Bel Paese