Troppo smog da diesel “C'è un rischio demenza”

  • Milano

MILANO Ieri, primo giorno di blocco per i diesel inquinanti a Milano, fino all’Euro 3. E si andrà avanti un bel po’. Il meteo non è buono. Cade dunque a proposito il convegno “RespiraMi” che si terrà oggi e domani alla Statale, in via Festa del Perdono: i massimi esperti internazionali esporranno le ultime ricerche sui danni alla salute dello smog. Ne parliamo con l’internista Pier Mannuccio Mannucci, luminare, tra gli organizzatori.

Tra Lombardia e pianura Padana, ogni anno, si verifica la maggior parte delle 85 mila morti premature all’anno registrate in Italia. Che fare?
Diminuire l’inquinamento. Il dato statistico risulta dal confronto con le aree meno inquinate. Se la situazione migliorasse, le morti premature diminuirebbero. Lo dimostranono studi americani.

Il diesel è un killer?
Sì, per il particolato e i gas. Non solo l’Euro 3 o l’Euro 4. Perfino l’Euro 5 non è accettabile. Salvo l’Euro 6. In Italia il gasolio è stato troppo incentivato.

Uno come si difende?
Passeggiare nelle vie a senso unico, meglio se larghe e alberate. Fare jogging in strada? Guai! E non portare bambini nei passeggini, semmai nei marsupi.

Novità al convegno?
L’attenzione si è spostata dai danni all’apparato respiratorio o cardio-circolatorio a quello neurologico. Lo smog favorisce la demenza, e perfino un ritardo cognitivo nei bambini esposti in utero agli inquinanti.

SERGIO RIZZA

Articoli Correlati

Atm: nel derby con Sala Rota resta presidente

Salta l'assemblea voluta dal Sindaco che doveva votare la decadenza dell’attuale numero uno

Tutti in bici per salvare i due bus della Brianza

Cittadini e comuni dicono no alla soppressione del Z-225 e Z-227. A rischio 8 mila passaggi-giorno

Nuovo Cda AtmLuca Bianchi per il dopo Rota

Il manager in pole position per il vertice