Chailly: “Alla Scala porterà i migliori al mondo”

  • TEATRO

TORINO «Non voglio essere onnipresente nella vita e nel cartellone di questo Teatro, ma cercare di portare alla Scala, assieme al Sovrintendente e Direttore Artistico Alexander Pereira, anche quelli che sono oggi i migliori direttori d’orchestra del mondo». Parola del Maestro milanese Riccardo Chailly che dal 1° gennaio scorso è il nuovo Direttore Musicale del Teatro alla Scala. Un impegno che vedrà Chailly al centro di alcuni importanti appuntamenti. A cominciare da lunedì prossimo quando sul podio della Filarmonica dirigerà musiche di Carlo Boccadoro, con la prima assoluta del suo “Concerto per pianoforte e orchestra”, e di Šostakovic, mentre molto atteso è il concerto del 25 marzo per i 150 anni dalla nascita di Arturo Toscanini. «Ma essendo la Scala un Teatro che ha al centro del suo repertorio la tradizione italiana - ha confessato Chailly - continuerò il ciclo sulle opere di Giacomo Puccini, già da me iniziato con “Turandot”, di cui esce domani il DVD e Blu-Ray della messinscena scaligera che inaugurò Expo. Poi, dal 12 aprile, dirigerò anche Rossini con “La gazza ladra” e in futuro un’opera di Verdi, una di Donizetti fino alla prossima apertura  della Scala, il 7 dicembre 2017, con “Andrea Chénier” di Umberto Giordano». 

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

La Bibbia secondo Cevoliuna rilettura in chiave pop

Il comico emiliano propone al Manzoni un divertente excursus su personaggi e storie del testo sacro

Un Dj-Vj Set alla ricercadell'identità di genere

Da stasera al 23 giugno nella sala Fassbinder dell’Elfo Puccini va in scena “MDLSX” dei Motus

Wurth e Milo “nemiche”per cento metri quadrati

Le due attrici insieme nella divertente commedia di Juan Carlos Rubio al Teatro Gioiello