Nel 2017 i mutui saranno più costosi

  • casa

CASA Nel 2017  dobbiamo aspettarci che i finanziamenti per l'acquisto della casa diventino più costosi; Mutui.it, in collaborazione con Facile.it, spiega il perché di questi aumenti.
Una delle ragioni è la decisione dell’agenzia canadese Dbrs di abbassare il rating dell’Italia da A a BBB, il che renderà più costoso per il nostro Paese chiedere prestiti emettendo obbligazioni, e impatterà sui tassi di interesse applicati dalle banche ai prodotti finanziari, dal momento che gli istituti di credito dovranno affrontare costi più alti per i propri prestiti, e li dovranno recuperare.
La convenienza del tasso variabile sta quindi per esaurirsi. Anche se il tasso Eurirs a 10 anni, cui sono agganciati i mutui a tasso fisso, ha registrato un aumento di circa 40 punti a partire da luglio, in seguito alla riduzione della portata del quantitative easing, ovvero dell’acquisto di titoli di Stato da parte della Bce. Il che vuol dire che un mutuo ventennale a tasso fisso è passato da un tasso dello 0,70% circa ad oltre l’1,25%, che tradotto significa un costo di 30/40 euro in più al mese per la rata.
METRO

Articoli Correlati

Quasi 8 italiani su 10proprietari della propria abitazione

Il rapporto dell'Agenzia delle entrate

Affitto: tre milioni per le famiglie in crisi

La Giunta approva la richiesta di adesione al Fondo Salvasfratti. Ecco chi può potrà chiedere il contributo

Famiglie, casa difficileCresce l’ipotesi social housing

L’accesso alla casa nel prossimo decennio sarà sempre più difficile per almeno un terzo delle famiglie, a causa del crollo dei redditi