Confindustria: incertezza paralizza la ripresa

  • CRISI

ROMA Confindustria alza le stime del Pil per il 2016 (+0,9%) e il 2017 (+0,8%), segnala occupazione e consumi in recupero, ma mette in guardia: restano elevati rischi al ribasso per l’incertezza, quella politica e quella per i referendum sul Jobs Act. Intanto l’Istat, nel suo rapporto sul benessere, disegna un Paese con forti disuguaglianze. Il 7,6% della popolazione - 4,6 milioni di persone - vive in condizioni di povertà assoluta. Reddito e consumi sono in moderata crescita, ma stenta la propensione al risparmio. Resta alta la sfiducia degli italiani nei confronti dei partiti.

METRO

Articoli Correlati

Il Mezzogiornoscivola indietro

Il Rapporto Eurispes conferma che il Sud, e in particolare Sicilia e Sardegna, stanno pagando il costo più alto per la crisi

Per l'Istat le famiglieora tirano il fiato

Per la prima volta dopo 5 anni migliorano le stime relative al giudizio sulla soddisfazione per le condizioni di vita

La paura del futuroora congela i prezzi

Gli acquisti non decollano per il timore di nuove tasse in arrivo e così a febbraio l’inflazione è tornata negativa dopo 9 mesi