Una coalizione Ue per colmare il gap digitale

  • formazione

UE Entro il 2020 potrebbero mancare oltre 750 mila lavoratori qualificati nel settore delle tecnologie delle telecomunicazioni e della comunicazione. Allo scopo di favorire una maggiore diffusione delle conoscenze informatiche,  partirà entro questo mese la coalizione per le competenze e le occupazioni digitali.  L'iniziativa mira a colmare la mancanza di competenze digitali dei cittadini europei, in quanto tali competenze risultano essere sempre più indispensabili e determinanti ai fini dell'occupazione. Il programma vede la collaborazione sia degli Stati membri, ONG, imprese e operatori del settore istruzione sia di organizzazioni e gruppi come Alliance, ESRI, SAP e Google, impegnati a formare i cittadini europei non solo per quanto riguarda competenze specialistiche di alto livello, ma anche competenze basilari necessarie per la vita di tutti i giorni, al fine di evitare l'esclusione sociale causata dalla mancanza di tali competenze. A detta del Vicepresidente della Commissione europea e responsabile per il mercato unico digitale Andrus Ansip, l'iniziativa costituisce un passo fondamentale verso la creazione del mercato unico digitale. In ogni caso, la Commissione seguirà le collaborazioni nazionali coordinandole a livello europeo per garantire il migliore degli esiti.

METRO

Articoli Correlati

In arrivo l'espertodell'albero genealogico

Partirà il prossimo anno il primo corso professionale per il counselor olistico

Formazione? È un must

Oltre il 30% dei giovani under 25 spera di trovare un lavoro che preveda programmi formativi, anche a costo di guadagnare meno

Risparmio energetico e formazione green

L’Its Energia e Ambiente promuove in Toscana nuovi percorsi legati all’edilizia sostenibile