Così è ridotta Nimrud devastata dall'Isis

IRAQ Nell’avanzata verso Mosul la milizia irachena ha liberato l’antica città di Nimrud e i primi fotografi sono riusciti ad entrare in quello che era uno dei più importanti siti archeologici dell’Iraq, capitale dell’impero assiro. Nei primi mesi del 2015 gli uomini dell’Isis avevano diffuso alcuni video con l’opera di distruzione per fare tabula rasa della cultura locale pre-islamica. Ma ora le prime testimonianze dirette riportano una situazione peggiore del previsto: il sito di Nimrud «è stato demolito al cento per cento». Il monumento più famoso di Nimrud era lo ziggurat, edificio sacro piramidale alto 42 metri costruito nel 900 a.C. e uno dei pochi rimasti in tutta la Mesopotamia. Ora è in pezzi. Sono sparite anche le statue di Lamassu, divinità protettrici raffigurate con volto umano, corpo di toro e grandi ali.

Allarme degli 007

Intanto i servizi segreti italiani mettono in guardia sul fatto che le sconfitte che sta subendo sul terreno militare spingono l’Isis ad un cambio di strategia, con un ritorno al franchising del terrore che fa aumentare il pericolo di attentati in Occidente.

METRO

Articoli Correlati
Isis/Terrorismo

Gli Usa avvertono: l'Isisvuole colpire anche l'Italia

Un allarme terrorismo dall'America fa riferimento a cellule in Italia. Dove secondo gli ultimi dati i foreign fighters sono 98
Isis/Terrorismo

Obama all'Onuprofetizza la sconfitta dell'Isis

Ma con la Russia le divisioni crescono invece di smorzarsi. La comunità internazionale in ordine sparso contro il Califfato in Iraq e Siria
Isis/Terrorismo

La guerra all'Isische nessuno fa sul serio

L'esperto Joseph Fitsanakis ci spiega perchè riconquistare Ramadi sarà molto dura