Lingue, il 58% dei lavoratori si sopravvaluta

  • Lavoro

LAVORO. Aiuta a trovare un nuovo impiego ma anche  a dare una spinta alla carriera. A questo serve la conoscenza di una o più lingue in un mercato del lavoro sempre più globalizzato. La padronanza di più lingue è una risorsa fondamentale, ma  oltre la metà si sopravvaluta. È quanto emerge dalle ricerche condotte da Babbel e Openjobmetis. Il 55% delle offerte di lavoro considerate (3000 circa) ha richiesto la conoscenza di almeno una lingua, principalmente l’inglese (89%). Si richiede una seconda lingua specialmente in Friuli (85%), Campania (80%), Calabria (70%), Lombardia (70%), Emilia Romagna (65%), Veneto (60%). Tra le altre lingue richieste ci sono il tedesco (80%), il francese (70%) o lo spagnolo (60%). Dati che si rispecchiano anche nel sondaggio di Babbel: il 42% degli intervistati, infatti, ha dichiarato di dover parlare una seconda lingua al lavoro, prima fra tutti l’inglese con l’87% a seguire il francese (25%) e il tedesco (23%). 
Openjobmetis ha indagato anche su quanto la percezione del livello di conoscenza dei candidati corrisponda ef alla realtà: 37% è la percentuale di coloro che dichiarano di conoscere una lingua mentre la conoscono molto poco o per niente; e la maggioranza  dei candidati - il  58% - si sopravvaluta e dichiara capacità superiori a quelle effettive. Ad esempio, è frequente che un candidato dichiari di parlare in maniera fluente una lingua, quando nella realtà la conoscenza è scolastica.

METRO

Articoli Correlati

Cassazione: mobbingpuò diventare lesioni

Confermata condanna per un datore di lavoro che aveva vessato un dipendente scatenando una patologia psichiatrica

Governo, sugli 8000 postiè battaglia con Boeri

Di Maio evoca il complotto. Tria: "Stime prive di prive di basi scientifiche"

Decreto dignità in Aulatra due settimane

Scontro sui voucher tra Lega e M5S. Visco invita alla prudenza e all'equilibrio sui conti