Disturbi alimentari “epidemia” in corso

  • Salute

SALUTE. Togliere. Ridurre. Riempirsi. E poi annullarsi. Sono le diaboliche tappe dei disturbi alimentari che poi in realtà sono vere e proprie malattie dell’anima: anoressia e bulimia. Patologie in continuo aumento che colpiscono soprattutto le giovani donne ma non solo, perché stanno interessando sempre di più anche gli uomini, in particolare gli adolescenti. Insomma i protagonisti di questa “epidemia” sono i giovani più influenzabili dai canoni di bellezza esterni ma anche da una serie di modelli interni malati fatti di insicurezza e non accettazione di sé. Modelli che portano l’attenzione per il proprio corpo a trasformarsi in ossessione, quindi in vera e propria malattia. Che può portare a conseguenze irreversibili: secondo gli studi della World health organization i cosiddetti Dca, ovvero i disturbi del comportamento alimentare, infatti sono la seconda causa di morte per gli adolescenti, dopo gli incidenti stradali. Dell’anoressia e della bulimia si è detto di tutto, ma la cosa certa è che, essendo malattie psichiatriche che si manifestano nell’infanzia e proseguono nella prima giovinezza, la guarigione perché sia completa ed efficace deve essere sia fisica che mentale. E per esserlo deve comprendere una raggiera di fattori di cura. Che puntano a illuminare sia il dentro che il fuori.  Come mira a fare l’iniziativa-progetto “Io sottraggo. La triangolazione cibo-corpo-peso” in programma dal 5 al 12 novembre allo SpazioCima di Roma (www.spaziocima.it) con testimonianze di medici, psichiatri e specialisti che hanno contribuito alla sconfitta della malattia. Al centro la prevenzione anche attraverso riflessioni creative. Tutto ricordando le parole di Virginia Woolf : “Uno non puo' pensare bene, amare bene, dormire bene, se non mangia bene”.  

Luisa Mosello

Articoli Correlati

Novembre Azzurro, campagnasul tumore alla prostata

Per una settimana il Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo e la statua del Discobolo si illuminano di azzurro

Sonno perso, troppo ci costa recuperarlo

Uno studio rivela che per pareggiare il debito di sonno spendiamo due anni di tempo libero

Sempre più giovani con disturbi dell’udito

Il problema dei deficit uditivi è un problema sanitario, sociale ed economico molto piú diffuso di quanto si immagini.