Licenziamenti collettivi Criteri da precisare

  • Lavoro

LAVORO. «In caso di licenziamento collettivo il datore di lavoro deve indicare “puntualmente” i criteri di scelta adottati per licenziare i lavoratori, così da consentire ai lavoratori interessati, alle organizzazioni sindacali e agli organi amministrativi di controllare la correttezza dell’operazione e la rispondenza agli accordi raggiunti». A dirlo la Fondazione studi dei consulenti del lavoro ricordando la sentenza numero 19320 del 29 settembre 2016 della Corte di Cassazione. 
In caso di incompletezza di tale comunicazione - sottolinea la Fondazione studi nella sua nota di approfondimento - al lavoratore va riconosciuta solo l’indennità risarcitoria relativa al vizio di procedura (da dodici a ventiquattro mensilità: sanzione prevista dall’articolo 5 della legge 223 del 1991, secondo inciso del comma 3, che richiama l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori comma 7). 
«Non la reintegra - continua la nota - per violazione dei criteri di scelta, quindi, la quale è prevista unicamente quando i criteri siano illegittimi perché attuati in difformità alle previsioni legali o collettive».

METRO

Articoli Correlati

Cassazione: mobbingpuò diventare lesioni

Confermata condanna per un datore di lavoro che aveva vessato un dipendente scatenando una patologia psichiatrica

Governo, sugli 8000 postiè battaglia con Boeri

Di Maio evoca il complotto. Tria: "Stime prive di prive di basi scientifiche"

Decreto dignità in Aulatra due settimane

Scontro sui voucher tra Lega e M5S. Visco invita alla prudenza e all'equilibrio sui conti