Appalti sui rifiuti nel mirino dell'Anac

  • CAOS RIFIUTI

ROMA Sono tanti i punti aperti relativi alla gestione dei rifiuti, affrontati ieri in Commissione Ecomafie, dalla presidente Rosy Bindi, dalla sindaca Virginia Raggi, dall’assessora all’Ambiente Paola Muraro e quella al Sociale Laura Baldassarre, e dall’ex dg di Ama Alessandro Filippi.

Quest’ultimo ha sollevato la questione degli appalti in Ama nel corso del 2015, sotto la lente dell’Autorità nazionale anti corruzione.  In questo periodo le gare andavano sempre  «deserte le prime due volte e gli appalti venivano aggiudicati la terza volta, a ditte che vengono da territori a rischio infiltrazione, ma evidentemente nessuno se ne era  accorto». Un tema sul quale Paola Muraro ha risposto: «È un fenomeno andato avanti fino alla prima metà del 2016, di cui altri avrebbero dovuto preoccuparsi. Noi porteremo la questione in procura. È strano che siano andate deserte gare per lo smaltimento, per il recupero o per il trasporto dei rifiuti», tutti servizi solitamente ambiti dalla criminalità. Sulla raccolta di abiti usati, sospesa per sospette infiltrazioni malavitose, Muraro ha detto ieri che è stata messa a bando la gare per ripristinare il servizio.

METRO

Articoli Correlati

Il Codacons: "L'Amarisarcisca i romani"

L’associazione avvia un’azione collettiva per la restituzione di 1,5 miliardi per i disservizi subiti nella raccolta rifiuti di 5 anni