Il treno perde una porta Paura e feriti a Piramide

  • CAOS TRASPORTI

ROMA Quella di ieri è stata l’ennesima giornata nera del trasporto pubblico capitolino, iniziata sulle banchine della linea B a Termini, con le sirene dell’impianto anti incendio che si sono azionate a contatto con del pulviscolo percepito dai sensori come fumo, provocando il fuggi fuggi generale, e finita con l’incidente alla fermata Piramide. Qui un convoglio in movimento, diretto verso Laurentina, ha perso l’anta di uno sportello. «Due persone sono rimaste lievemente contuse nella concitazione del momento, una terza è sotto choc. Il servizio non è mai stato interrotto e il treno è stato portato in deposito per le verifiche di rito», ha spiegato Atac in una nota, assicurando un’indagine interna sull’accaduto. Ma il racconto dei passeggeri ha restituito una versione dei fatti più grave: «Ho visto la morte in faccia» ha raccontato a Ostiatoday, uno dei feriti, Pierangelo, studente di 23 anni, che ha ricostruito: «Sono riuscito a salire a Circo Massimo insieme a un altro ragazzo. Stavamo dentro come sardine, pigiati l’uno sull’altro. Il convoglio è partito, verso Piramide, ma procedeva lentamente. A un certo punto si è sentito un rumore metallico e all’improvviso mi sono ritrovato con la testa fuori dal vagone. «La porta staccata è finita prima contro il muro della galleria, poi rimbalzando è finita sulla mia testa e infine sui binari. A evitare che cadessi quattro signore che nel panico generale mi hanno sorretto fino a quando non siamo arrivati a Piramide, per fortuna ad andatura lenta». Il 23 enne è stato accompagnato in ambulanza all’ospedale Fatebenefratelli, per le contusioni riportate.

Una passeggera che ha assistito il giovane, la signora Paola, ha raccontato: «Il personale è stato assolutamente inadeguato e incapace di fornire un’assistenza minima. Per fortuna  ci ha aiutato un macchinista del treno per Ostia dopo aver visto il ragazzo sempre più dolorante».

METRO

Articoli Correlati

Un venerdì neroper i trasporti

Lo sciopero generale fermerà autobus, treni, aerei e navi. I Sindacati di base: “Servono trasporti sicuri e funzionali”

Tpl, oltre allo scioperoil record di permessi

L’astensione dal lavoro dalle 8:30 alle 12:30, ma per il pomeriggio 26 macchinisti del metrò non erano disponibili

Roma-Lido e ritardimacchinista presa a calci

L’aggressione davanti a decine di testimoni Il responsabile è stato denunciato. L’episodio ha poi provocato l’annullamento di 4 corse dalle 16 alle 18