Le Blue Car arrivano a Torino

  • Car sharing

MOBILITA' Dal 24 ottobre anche Torino potrà utilizzare il carsharing elettrico. Ci ha pensato l’imprenditore francese Vincent Bolloré, che dopo aver portato il suo servizio a Parigi, Lione, Bordeaux e Indianapolis, sbarcherà nel capoluogo piemontese con 60 automobili e 23 stazioni di ricarica. L’obiettivo è quello di arrivare a 150 automobili a impatto zero, servite da 80 stazioni con un totale di 250 colonnine per la ricarica.

Le automobili  “Blue Car” sono  delle city car a 4 posti da 50 kW di potenza massima con un bagagliaio spazioso e il cambio a presa diretta, un’autonomia di 250 km in ambienti urbani. Le Blue Car conservano il marchio di fabbrica made in Italy, infatti sono realizzate nello stabilimento di Bairo su design di Pininfarina.

Blue Torino è utilizzabile sette giorni su sette, 24 ore al giorno, il servizio di car sharing prevede il pagamento con tariffa a tempo e la possibilità sia di prenotare in anticipo la disponibilità dell'auto sia di riservare il posto di sosta all'arrivo, così da evitare perdite di tempo per rintracciare colonnine e stalli liberi.

Il prezzo è più vantaggioso rispetto a Car2go o Enjoy, stiamo parlando di 0,19 euro al minuto contro circa 0,25  ma richiede un abbonamento da 5 euro al mese. Per i più giovani, quelli con età compresa fra 18 e 25 anni, l’abbonamento è offerto a 1 euro al mese e il noleggio a meno di 0,14 euro al minuto. 

Il servizio è semplice e intuitivo basta registrarsi online, inviare i documenti per la verifica di carta di identità e patente. Se tutto è in ordine, Bluetorino provvederà all’invio a domicilio di un badge elettronico con il quale si potrà procedere al noleggio dell’auto. Dopo Torino le Blue car toccheranno le città di Londra e Singapore.

DILETTA PIAZZA

 

Articoli Correlati

Ecco Sharemine,piattaforma shared mobility

Presentata da Omoove, controllata da Octo Telematics

Sempre più car sharing

Urbi, l’app che aggrega i principali sistemi di mobilità urbana e condivisa, ha analizzato il mercato delle auto condivise in Italia registrando un +35%

L'auto si aprecon uno smartphone

L’idea è del brand Toyota, che si va ad aggiungere all’elenco delle altre aziende che già puntano sul car-sharing