Gahan: Il nostro segreto? Ci piace fare musica

  • Depeche Mode/Global Spirit Tour

MUSICA Decine di giornalisti da ogni parte d’Europa, fan entusiasti pazientemente in coda, la Triennale di Milano mobilitata. Fanno le cose in grande stile i Depeche Mode, che nel capoluogo lombardo (dove hanno tenuto molti concerti memorabili) presentano il Global Spirit tour, che l’anno prossimo coinvolgerà 21 Paesi europei, con partenza il 5 maggio da Stoccolma. Tre le date italiane negli stadi a giugno: 25 Roma (Olimpico), 27 Milano (San Siro) e 29 Bologna (Dall’Ara).

Il tour supporterà Charity Water, organizzazione che fornisce acqua potabile ai Paesi più bisognosi. Ma prima, in primavera, uscirà l’atteso album Spirit: «Stiamo ancora lavorandoci, ma ne siamo entusiasti. Abbiamo collaborato col produttore James Ford, che ha portato delle sonorità più fresche» spiega il cantante Dave Gahan. «Sarà esaltante e provocatorio, ci sono tante cose che accadono nel mondo, è difficile restare indifferenti» aggiunge Andy Fletcher.

Un work in progress è anche il live: «Ci saranno i visual di Anton Corbijn e molti brani del nuovo disco. Non mancheranno i pezzi vecchi, ma inseriti nel concept del concerto» dice Martin Gore.
Gruppo iconico, sulla scena da tanti anni, i Depeche non temono l’avvicendarsi delle mode: «Anzi, ai nostri spettacoli vediamo tanti adolescenti – conclude Gahan – Il nostro segreto? Ci piace fare musica, ecco perché siamo ancora insieme. La musica è magia, forse l’unica cosa capace di unire la gente e farla stare bene. Quando entriamo in studio, non sappiamo cosa succederà e il momento più eccitante è quando accade qualcosa di spontaneo e inatteso. È la scintilla che ci tiene vivi».

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati
Depeche Mode/Global Spirit Tour

Depeche Mode in tourtra successi e novità

La storica band sbarca sabato e lunedì al Mediolanum Forum d’Assago con il Global Spirit
Depeche Mode/Global Spirit Tour

Depeche Modeall’Olimpico la storia del rock

Dave Gahan & Co. in “Global Spirit Tour” ripercorrerà le tappe più significative della lunga carriera