Sì alla reintegra se il fatto è irrilevante

  • Lavoro

LAVORO. La Corte di Cassazione è tornata sull’interpretazione dell’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori con la sentenza n. 18418 del 20 settembre 2016, chiarendo che la reintegra dei lavoratori sui quali è stato applicato un licenziamento disciplinare viziato dall’«insussistenza del fatto contestato» (comma 4) si applica anche nell'ipotesi in cui il fatto, pur materialmente accaduto, sia privo di illiceità e quindi irrilevante sul piano disciplinare.

L’insussistenza

La sentenza  assume particolare rilevanza anche con riferimento al contratto di lavoro a tutele crescenti. La nota giurisprudenziale della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro interviene sul concetto di «insussistenza del fatto contestato» spiegando che in caso di licenziamento del lavoratore assunto con contratto a tutele crescenti il fatto è insussistente quando, sebbene sia avvenuto materialmente, non costituisce un inadempimento delle obbligazioni contrattuali da parte del lavoratore e, conseguentemente, non è rilevante sul piano disciplinare. Di conseguenza, se il fatto ha una rilevanza disciplinare, ma è sproporzionato rispetto al licenziamento, il datore di lavoro viene condannato a pagare un’indennità da 12 a 24 mensilità; se, invece, il fatto non è materialmente accaduto oppure è accaduto ma non ha rilevanza disciplinare, perché è inconsistente o il lavoratore non ha colpa, il datore deve effettuare la reintegra del lavoratore (anche in regime di tutele crescenti).

METRO

Articoli Correlati

Cassazione: mobbingpuò diventare lesioni

Confermata condanna per un datore di lavoro che aveva vessato un dipendente scatenando una patologia psichiatrica

Governo, sugli 8000 postiè battaglia con Boeri

Di Maio evoca il complotto. Tria: "Stime prive di prive di basi scientifiche"

Decreto dignità in Aulatra due settimane

Scontro sui voucher tra Lega e M5S. Visco invita alla prudenza e all'equilibrio sui conti