Da Bolle alla Chouinar Ecco la grande danza

  • Milano/Danza

MILANO A tutta danza. Verrebbe da dire così visto che domani sera le occasioni per passare un appuntamento con le grandi star del balletto internazionale non mancano. A cominciare dal debutto al Teatro alla Scala di un classico come “Giselle” che, su coreografia di Coralli-Perrot, ripresa per l’occasione da Yvette Chauviré, andrà in scena, oltre a domani, anche il 12 e il 14 ottobre, con due protagonisti d’eccezione come Roberto Bolle, in procinto di sbarcare sabato, in prima serata, su RaiUno con un suo gala di danza, e Svetlana Zakharova.

“Giselle”, in replica poi fino al 28 ottobre con altri artisti scaligeri, da Vittoria Valerio ad Antonino Sutera, da Nicoletta Manni a Claudio Coviello, rappresenta da sempre il balletto romantico per eccellenza portando in scena una storia d’amore, tradimento e redenzione, ambientata tra gioiose feste contadine e il bianco stuolo di Willi, donne affascinanti e allo stesso tempo spietate che morirono o si uccisero per un amore sbagliato (Info: teatroallascala.org). 

Un’altra stella di prima grandezza come la coreografa canadese Marie Chouinard, classe 1955, incanterà domani sera e domani l’Elfo Puccini con il suo “Le Cri du Monde”, creato nel 2000 e riallestito per il trentesimo anniversario di “MilanOltre”, e con la sua pluripremiata “Le Sacre du Printemps”.

Il primo è un’esplosione furiosa di energia fisica con dieci ballerini che interpretano la magica ed indomabile furia in solo, duo ed ensemble, mentre il secondo è costruito intorno ad assoli (Info: milano.org).

E domani sera la danza andrà finirà anche sul grande schermo con la proiezione a The Space Cinema Odeon e ad Uci Cinemas Bicocca di “Le Clair Ruisseau”, capolavoro umoristico sulle musiche di Shostakovich, con le stelle del Bolshoi di Mosca (Info: stardustclassic.it). 

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Olivier Dubois ritorna a danzare

Stasera al Teatro dell’Arte per la rassegna “La Francia in scena”

A MilanOltre arriva un trittico di Zappalà

Sul palco dell’Elfo Puccini si susseguiranno tre coreografie della compagnia italiana

La Bella Addormentata secondo Matthew Bourne

Il coreografo inglese per la fiaba di Perrault sceglie il 1890 per la nascita e l’età moderna per il risveglio