Allarme cancro al seno colpisce le più giovani

  • Salute

ROMA Il tumore al seno è sempre più diffuso (+15% di incidenza nell’ultimo quinquennio) e a esserne colpite sono sempre più le giovani donne, eppure la prevenzione resta al palo. È quanto è emerso durante la presentazione dell’edizione 2016 della campagna “nastro rosa” promossa dalla Lega italiana per la lotta contro i tumori e patrocinata dalla presidenza del Consiglio e dal ministero della Salute. Si stima che in Italia nel 2016 saranno oltre 50.000 i nuovi casi di cancro alla mammella. Il 30% viene diagnosticato nelle donne al di sotto dei 50 anni, proprio la fascia di età esclusa dal programma di screening previsto dal Sistema sanitario nazionale e riservato alle donne tra i 50 e i 69 anni. Dunque va potenziata la prevenzione per le più giovani.

La scoperta fai-da-te

Ma anche il normale programma di controlli non funziona bene, considerato che in Italia il 35% delle donne scopre da sola di avere un nodulo alla mammella e si rivolge autonomamente al proprio medico. «Inoltre solo il 60% delle donne in età di screening (tra i 50 e i 69 anni) si sottopone ai controlli previsti - sottolinea Francesco Schittulli, presidente Lilt - e c’è un grave squilibrio territoriale: al Sud meno del 40% delle donne si sottopone ai controlli, mentre al Nord siamo sopra l’80%». Pur considerando che «la guaribilità del cancro al seno è sensibilimente salita, attestandosi intorno all’80- 85% dei casi, c’è un 15-20% di pazienti che non riesce a superare la malattia - spiega Schittulli - una diagnosi precoce comporterebbe una guaribilità superiore al 95% dei casi».

Lorenzin: andare oltre la paura

«Il tumore al seno si previene attraverso stili di vita corretti, con l’autopalpazione del seno, per essere consapevoli del proprio corpo e sottoponendosi agli screening. Purtroppo sono pochissime le persone che si sottopongono a visite di controllo: c’è un atteggiamento di paura molto diffuso». Lo ha ricordato la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, alla presentazione della campagna Lilt che sarà lanciata anche sui social con l’hashtag #iofaccioprevenzione. Durante il mese di ottobre sull’intero territorio nazionale saranno attivi oltre 300 “spazi prevenzione” per fornire informazioni e non solo: sono previste visite senologiche gratuite e, ove occorra, controlli diagnostici clinico-sperimentali. Testimonial Elisabetta Gregoraci: «Sono una donna del Sud e vorrei che questa campagna arrivasse anche alle giovani del Mezzogiorno, dove ancora si fa poca prevenzione». «La guerra al cancro sarà difficile e lunga - ha ricordato il presidente della Lilt, Francesco Schittulli - ma vittoriosa se sapremo prenderci cura del nostro ambiente. Oggi conosciamo l’importanza dei fattori ambientali, tant’è che definiamo il cancro una malattia ambientale su base genetica».

METRO

Articoli Correlati

Emofilia, l'idea vincenteè "un robot per amico"

È l'associazione piemontese Acep ad aggiudicarsi uno dei premi messi in palio nel contest dedicato all'emofilia da Bayern

Meningite, Grillo"Ragazzi, vaccinatevi"

La ministra della Salute: "Preoccupata, è una malattia molto insidiosa"

I vaccini consigliatiin gravidanza

Personale ostetrico e medici di famiglia si uniscono per sensibilizzare l’opinione pubblica