Migranti, quei vertici non servono a nulla

  • Maurizio Guandalini

Guardando a Hillary conta, in politica, la sana e robusta costituzione. E Renzi ha una salute di ferro. Il premier ha girato come una trottola. Mezzo mondo. Ha collezionato vertici su vertici, da Pechino, Atene, Maranello,  Bratislava. Risultato? Nulla. Zero. Il vis à vis non paga. Il duca di Olivares ha governato, nel 1600, per la Spagna, buona parte del mondo conosciuto, senza mai uscire dalla sua stanza. E non c’erano gli smartphone. Per dire che in politica, tutti amici e nessuno è amico, le pacche sulle spalle, e gli attracchi sulla Garibaldi, con Merkel e Hollande, sono un’aggravante. Solo apparenza, scena, tricche e ballacche mediatici. Serve distacco.
Distacco. E meno vertici. Solo così si ottiene qualcosa. Dopo il tonfo elettorale della Merkel, seppur circoscritto ad elezioni regionali, sul tema migranti e immigrazione, Renzi fa bene a scuotersi dando calcioni a  questa Europa e a qualche suo comprimario. Dire che «L’Europa non ci aiuta. L’Italia farà da sola» è un desio mal consolatorio. Tragga, Renzi, le conclusioni. D’altronde le icone ideologiche, spesso intrise di una liturgia vuota, hanno stufato. Agitare l’Europa di Ventotene quando poi, Merkel e Hollande, due leader al capolinea della loro rotta politica, fanno gli affaracci propri, vorrà pur dire qualcosa. Serve la voce grossa, roboante e anche un po’ catarrosa. La politica economica europea non ingrana e non ritornerà  funzionare a breve.
E, infatti, Germania, Francia e Spagna hanno ritenuto non dare retta ai parametri europei che, a quanto pare, rispettiamo solo noi italiani. Vero è che il caso spagnolo ci pone tante domande a partire dall’utilità della politica europea e dei politici europei se, da quelle parti, è un anno che non c’è un Governo e, proprio in questo anno, l’economia è ritornata a volare. Serve un leader a Bruxelles che lo dica con  autorità: non ci sarà né l’Europa di Ventotene e neppure una ripresa economica sfavillante.
Si punterà a perdere del tempo, rimandare le decisioni: d’altronde in Germania e Francia si vota nel 2017. Per non fare l’ennesima figura dei cioccolatai, Renzi, parlando di responsabilità dell’Unione vada oltre il problema immigrati. Intanto è un buon passo aver udito parole che sorvolano gli appelli misericordiosi, affare della chiesa e non della politica. Gli immigrati che arrivano in Italia, ha detto il premier, sono un problema e quindi occorre coordinarsi con i sindaci e soprattutto metterli a lavorare per evitare di vederli a bighellonare davanti agli hotel. Non è quello che scrivevamo noi all’inizio di questo esodo, prendedoci l’etichetta di razzisti?

 

MAURIZIO GUANDALINI
Economista e giornalista

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

La lezione americanache vale anche per noi

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Global warming, lezionea Trump il negazionista

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

In politica come a golfc'è rischio di flappare

L'opinione di Maurizio Guandalini