Badanti, nella rete è boom di ricerche

  • Lavoro

LAVORO. Negli ultimi 5 anni, «il volume di ricerche sul web per parole chiave legate al lavoro domestico è aumentato sensibilmente».  Sono le parole del segretario generale di Domina (Associazione Nazionale Famiglie Datori di lavoro domestico), Lorenzo Gasparrini. I dati forniti dimostrano che il volume di ricerca per costo badante ad ore è aumentato del 50%, costo badante convivente è aumentato del 90%, contratto badante convivente è aumentato del 130% e voucher baby-sitter è aumentato del 2.000%. L'incremento del volume delle ricerche denota - spiega  Gasparrini -  una crescita nella richiesta di figure dedicate all’assistenza alla persona». Mentre la ricerca legata alle colf resta quasi invariata nell’ultimo quinquennio, la ricerca di badanti mostra un’impennata considerevole.  

I voucher
 
Sul tema dei voucher (sul cui utilizzo l’Inps certifica  un continuo trend di crescita) interviene Assindatcolf, l’Associazione nazionale dei datori di lavoro domestico: «Per evitare un utilizzo improprio di questo strumento è indispensabile introdurre dei correttivi ». Assindatcolf ribadisce la necessità di prevedere già nella stesura del decreto legislativo correttivo del Jobs Act il limite a 2 mila euro per singolo committente anche nel comparto che regola il lavoro di colf, badanti e baby sitter. 

METRO

Articoli Correlati

Cassazione: mobbingpuò diventare lesioni

Confermata condanna per un datore di lavoro che aveva vessato un dipendente scatenando una patologia psichiatrica

Governo, sugli 8000 postiè battaglia con Boeri

Di Maio evoca il complotto. Tria: "Stime prive di prive di basi scientifiche"

Decreto dignità in Aulatra due settimane

Scontro sui voucher tra Lega e M5S. Visco invita alla prudenza e all'equilibrio sui conti