Metro 1, dal Cipe 29 milioni di euro

  • TORINO TRASPORTI

TORINO Ci sono i soldi per completare la linea 1 della metropolitana. La conferma, anche  l’ufficialità ci sarà il 4 agosto, è arrivata nella riunione del pre-Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica), che si è svolta martedì sera a Roma e a cui ha preso parte l’assessore ai Trasporti della Regione Francesco Balocco. Al completamento della linea 1 della metro nella tratta Lingotto-Bengasi saranno assegnati 28,9 milioni di euro, recuperati però dallo storno dei fondi inizialmente previsti per la realizzazione linea 2, nel tratto Rebaudengo – Giulio Cesare e poi accantonato.

Per garantire la copertura finanziaria al completamento della linea 1, il Comune di Torino dovrà mettere sul piatto ulteriori 10 milioni di euro, che arriveranno con l’accensione di nuovi mutui.
Nell’incontro romano non si è parlato solo di metro. È stato infatti presentato il Piano Economico Finanziario quinquennale della Torino-Savona, relativo al periodo 2014-2018 per una serie di interventi pari a 153 milioni. Resta da sciogliere il nodo della costruzione del nuovo casello di Carmagnola, il cui costo è stimato in 18 milioni di euro. Infine, sempre per quanto riguarda le infrastrutture piemontesi, nel corso dell’incontro è stato illustrato l’aggiornamento del contratto di programma Rfi per il quinquennio 2012-2016. I punti più significativi riguardano gli interventi sulla Torino-Genova. Per l’intervento sono stati previsti 65 milioni. Importanti investimenti saranno realizzati per l’eliminazione dei passaggi a livello, specie su tratte come la Torino-Pinerolo e la Aosta-Chiavasso, causa di inefficienze e ritardi.

REBECCA ANVERSA

Articoli Correlati
TORINO TRASPORTI

Gtt, il bigliettosingolo più caro

Ma sarà più conveniente acquistare carnet e giornalieri
TORINO TRASPORTI

Dalle multe fondiper la viabilità

Ok alla delibera che sblocca circa 38 milioni da destinare a semafori intelligenti e rifacimento stradale
TORINO TRASPORTI

La sindaca: Tplgratis agli over 75

L’operazione riguarda 100 mila utenti. Sì agli approfondimenti per le risorse da destinare ai trasporti pubblici