Bimbi, vacanze in salute con facili accortezze

  • Consigli pratici

SALUTE Buone e sane vacanze. Per tutti e soprattutto per i più piccoli che hanno come e più degli adulti il diritto a trascorrere l’estate in maniera serena, piena di energia e relax. Ecco una serie di consigli proposti dagli esperti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma a tutti i genitori per regalare ai loro figli un periodo da vivere liberamente. Sì, ma non troppo. Ci sono infatti regole che non vanno in vacanza. Quelle che per esempio riguardano l’attenzione all’alimentazione (che dovrà essere leggera e prevedere tanta frutta e verdura) l’idratazione continua e l’allerta contro le allergie. Grande spazio, inoltre, alle attività all’aria aperta al posto del classico riposino pomeridiano. Bene anche qualche momento ludico fra fantasia e manualità, come il disegno e la creazione di qualche oggetto personalizzato. E sì all’immaginazione anche in cucina “messa in pentola” ideando nuove ricette magari preparate insieme a mamma e a papà, come suggeriscono anche i pediatri della Società italiana di pediatria preventiva e sociale. Dopo tanto impegno sia mentale che fisico, praticato all’aperto, è importantissimo bere considerando che i bambini avvertono molto bene il senso della fame e poco quello della sete.
Quindi sì a tanta acqua al termine di una gara o una partita a pallone ma anche durante l’allenamento. Fra i 10 e i 12 anni  si dovrebbe bere un bicchiere d’acqua ogni mezz’ora. Poi la protezione dal sole: si all’esposizione prima delle 11 e dopo le 17, con un crema adatta alla pelle sensibile dei più piccoli. Per le punture di insetti no ai repellenti, in caso di incontro ravvicinato meglio applicare per qualche giorno sul ponfo una pomata al cortisone, facendo attenzione a che le unghie del bimbo non siano lunghe per evitare che grattandosi possano infettare la parte. Per informazioni: www.ospedalebambinogesu.it.
LUISA MOSELLO