La Giornata nazionale per la lotta alla leucemia

  • Salute

SALUTE. I progressi della ricerca scientifica e soprattutto la “medicina” più potente per renderli efficaci: l’attenzione concreta al mondo dei malati. Sono questi i pilastri su cui si fonda la Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma giunta alla sua XI edizione. In programma il 21 giugno rappresenta un’occasione “sul campo” per parlare dei e ai pazienti ematologici, sia bambini che adulti. Attraverso incontri e iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi organizzate in tante città d’Italia, da nord a sud. A promuoverla l’Ail che punta all’informazione a 360 gradi sulla malattia per combatterla in maniera consapevole, con tutti gli strumenti disponibili. Per esempio una linea diretta con otto ematologi che martedì prossimo tutto il giorno dalle 8 alle 20 risponderanno al numero verde Problemi Ematologici 800-226524. 
Da Franco Mandelli a Giuseppe Basso, da Paolo Corradini a Giorgina Specchia, da Pietro Leoni a Fabrizio Pane, da Sante Tura ad Alessandro Rambaldi,  i professori daranno consigli e indicazioni utili sulla patologia e sui centri di terapia presenti sul territorio nazionale. E non mancherà un gruppo di specialisti che sarà a disposizione di chiamerà per rispondere a ogni tipo di domanda e chiarire i dubbi. Da luglio a dicembre il servizio diventerà un appuntamento fisso il primo lunedì di ogni mese.   Fra gli appuntamenti più significativi in programma anche quest’anno “Sognando Itaca”, un lungo viaggio solidale in barca a vela nel Mar Adriatico e nel Mar Ionio da Trieste a Itaca. Obiettivo dell’iniziativa: promuovere la vela come metodo terapeutico per la riabilitazione psicologica e il miglioramento della qualità della vita dei pazienti. Per saperne di più: www.ail.it. 

LUISA MOSELLO

 

Articoli Correlati

Novembre Azzurro, campagnasul tumore alla prostata

Per una settimana il Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo e la statua del Discobolo si illuminano di azzurro

Sonno perso, troppo ci costa recuperarlo

Uno studio rivela che per pareggiare il debito di sonno spendiamo due anni di tempo libero

Sempre più giovani con disturbi dell’udito

Il problema dei deficit uditivi è un problema sanitario, sociale ed economico molto piú diffuso di quanto si immagini.