Basta tetta al bebè? Ok, ma con gradualità

  • Federico Ferrero/Medico nutrizionista

Caro dott. Ferrero, ho una bimba di quattro mesi che si approssima allo svezzamento. I pediatri hanno opinioni discordanti sull'introduzione dei cibi nella dieta di un neonato: chi vuole dare tutti i cibi subito e che predilige integrarli poco per volta.
Qual è il suo parere in proposito?

MIRIAM

Cara Miriam, credo che il buon senso, quello che ha sempre guidato le nostre bisnonne e le loro nonne, se la sia cavata più che egregiamente in questi ultimi anni di evoluzione, e probabilmente anche nei secoli precedenti. Se il neonato viene allattato al seno, cosa auspicabile e, raccomanda l’Organizzazione Mondiale della Sanità, da protrarsi il più possibile - anche qui agendo con una certa dose di buon senso sul momento in cui il bambino deve rinunciare alla tetta materna- al sesto mese sarà opportuno fornirgli dei nutrienti solidi, che gli garantiscano tutte le sostanze necessarie al suo rapido accrescimento, soprattutto sali minerali, ferro, grassi e proteine. Proceda con gradualità, e senza bisogno di seguire un calendario prestabilito, partendo da verdure cotte, crema di riso, carne, frutta, pesce. L’attenzione deve essere invece posta su zucchero e sale, che non sono alimenti indispensabili al neonato, e sono già contenuti nei cibi e nella frutta, come pure il miele, che sarebbe meglio riservare dopo i dodici mesi. Le consiglio di fare molta attenzione inoltre ai conservanti contenuti nei cibi confezionati: il prosciutto cotto è normalmente ricco di sali e altre sostanze che ne mantengono aspetto e umidità. Proceda quindi allo svezzamento con prodotti freschi, verdure coltivate sena pesticidi, farine macinate a pietra ottenute da grani antichi, frutta di stagione. E prepari lei le prime pappe, attendendo la comparsa dei dentini per i cibi solidi. Oltre alle implicazioni legate alla salute, questo momento di formazione al gusto, determinerà le scelte alimentari di suo figlio per tutta la vita.
www.federicofrancescoferrero.com

 

Articoli Correlati
Federico Ferrero/Medico nutrizionista

Meglio non abusare dell'olio di oliva

I consigli del medico nutrizionista Federico Francesco Ferrero
Federico Ferrero/Medico nutrizionista

Peso, quando la cura non è solo a tavola

L'opinione di Federico Francesco Ferrero, medico nutrizionista
Federico Ferrero/Medico nutrizionista

Tutto il bene possibiledel buon prezzemolo

Definire cancerogena una pianta che è utilizzata in tutto il bacino del Mediterraneo da cinquemila anni, è davvero un esercizio di "webidiozia"