Torna in edicola DiTutto magazine dei retroscena

  • editoria

Editoria. «Non solo gossip, ma tanta attualità in pillole, interviste, rubriche dedicate alla famiglia, alla salute, al tempo libero e persino un racconto a puntate, da staccare e conservare, come si usava nei giornali del dopoguerra». Così il “consumato” direttore Luca Arnaù presenta DiTutto, il settimanale «patinato popolare» (tiene a precisare) che, in oltre cento pagine, ritorna in edicola con una veste grafica completamente rinnovata, grazie a Marco Farina, giovane e ambizioso editore, che promette: «Basta gossip a tutti i costi, creati ad arte per vendere copie, ma largo ai retroscena dei fatti, perché l’idea di partenza è la certezza di poter fare un buon prodotto per il vecchio pubblico e attirare nuovi lettori, grazie alla collaborazione di Fabrizio Corona, qui in veste di consulente editoriale».

Duecentomila le copie tirate per il primo numero del settimanale che vede in copertina proprio il “re del gossip”, con la sua ultima fiamma Silvia Provvedi. «Le foto sono ancora il cardine del rotocalco – spiega Federico Corona, vicedirettore della rivista – perché le cosiddette paparazzate catturano subito l’attenzione del lettore anche più giovane. Ma puntiamo molto sulla freschezza dei contenuti, affrontando, però, l’attualità, i fatti di cronaca e la politica, con leggerezza. Questo con l’ausilio di personaggi noti al grande pubblico, specialisti e opinion leader». Spazio, dunque, a esperti di moda, psicologia e legge, religione e tarocchi. 
E, se il DiTutto numero 1 è appena sbarcato nelle edicole del Belpaese, la redazione milanese è già all’opera per la prossima uscita. «Vi sveleremo – ci anticipa Luca Arnaù – i retroscena  della coppia d’oro del momento del gossip italiano, che tutti dicono sia in crisi. Invece no, noi vi dimostreremo, con tanto di foto, che non è come si vocifera, anzi!». Ne sapremo di più   tra una settimana, con DiTutto numero 2.

Metro

Articoli Correlati

Progetto News Juice,una novità tech di Adnkronos

Google ha co-finanziato il progetto dell'agenzia di news

Agi cambia: mobile first,velocità, verità e una factory

Il nuovo piano del direttore dell'Agenzia Giornalistica Italia, Riccardo Luna