Se la Svizzera boccia il reddito garantito

  • Maurizio Zuccari

In Svizzera non piacciono i soldi facili, non fuori dalle cassette di sicurezza. Il referendum sul reddito minimo, 2.500 franchi per tutti, non è passato. Con qualche stupore in chi, dalle nostre parti, si sarebbe accontentato di molto meno, e gli osanna alla meritocrazia.

L’idea era venuta a tal Daniel Haeni, proprietario a Basilea dell’omonimo caffè, e ai suoi amici. Generation basic income: generazione reddito base, o zero, si chiamano. In Italia c’è pure un sito – www.bin-italia.org  – che ne raccoglie le gesta e ne amplifica le idee. Presto dette.

Nell’era della globalizzazione e della digitalizzazione forzata, la massa di respinti e abbandonati dalle gioie di siffatte conquiste dell’umanità dovrà pur trovare un modo per tirare avanti, tra un selfie e l’altro. E visto che il lavoro, specie se tutelato, è una roba messa in soffitta come le chincaglierie della nonna, manco buona a essere rispolverata per qualche fiera d’occasione, la via di scampo per chi non ce la fa è il reddito minimo garantito.

Sono anni che il gruppo patrocina l’idea con iniziative neanche male, come sciare sopra una montagna di soldi in un caveau, o scaricare da un camion 15 tonnellate di monetine davanti al parlamento federale, alla consegna delle 130mila firme per il referendum.

Appena bocciato dal governo cantonale e dalla stragrande maggioranza dei cittadini con il 77% dei voti. Duemilacinquecento franchi svizzeri per tutti – 2.300 euro o 2.700 dollari, al cambio, là dove il salario medio è tre volte tanto e la soglia di povertà più bassa di poche centinaia di franchi – circa 600 per adolescenti e minori, e la Svizzera sarebbe uscita dai gorghi del Terzo millennio.

Considerato che gli svizzeri sono poco più di 8 milioni, fanno circa 200 miliardi da redistribuire ogni anno, sette ottavi coperti da assistenza e imposte su redditi da attività lucrative e il resto (25 miliardi circa) dall’aumento di tasse e tagli di spesa.

Ma agli svizzeri non dispiace tanto avere soldi facili quanto vedersi aumentare le tasse, soprattutto a favore degli indigenti. E hanno respinto in massa la proposta di salvare i sommersi. L’iniziativa non è piaciuta neanche alla sinistra elvetica, che difatti l’ha bocciata in toto.

Sola voce a favore, ai Cantoni, quella della socialista Anita Fetz, pur’essa di Basilea. Che dà per buona l’idea, ma «tra 20 o 30 anni, quando dalla digitalizzazione del lavoro risulterà una forte perdita di posti». Ma per allora si sarà tornati al baratto, madame. E nessuno raccoglierà soldi come carta straccia.

Articoli Correlati
Maurizio Zuccari

Intanto (per adesso)Kim l'ha avuta vinta

L'opinione di Maurizio Zuccari
Maurizio Zuccari

Il rischiodei pornogonzi

L'opinione di Maurizio Zuccari
Maurizio Zuccari

Guerra d'armie di silenzi

Strana guerra, quella dell’Ucraina orientale