Panzerotti pugliesi sbarcano in Europa

  • STORIE

I panzerotti pugliesi alla conquista del mondo. Potrebbe essere questo il titolo di una storia tutta italiana, quella di Nonna Lia, brand nato da una intuizione di un fasanese doc come Raffaele Dipierdomenico, e che si appresta a espandersi in Italia e all’estero. La società annuncia un piano triennale nel quale è prevista l’apertura di 35 punti vendita in Italia – di cui 5 itineranti, installati su Apecar – e 10 all’estero. Un’ambizione avallata, del resto, dal successo della Puglia nel mondo: la regione è entrata recentemente fra le mete più gettonate nella classifica dei “Best Trip” 2016 stilata dal National Geographic. Il piano è stato messo a punto grazie all’aiuto di altri due soci, Marco di Marco e Dario Martelli (oggi Nonna Lia è presente a Roma in via San Marino, e in via Tiburtina nei pressi dei famosi “Studios”).

«Nonna Lia non è solo memoria e genuinità, ma anche slancio imprenditoriale. Perché la tradizione culinaria italiana e la nostra ricchezza di materie prime alimentari possono sempre vincere la sfida dell’internazionalizzazione», raccontano gli ideatori del progetto di internazionalizzazione del brand attraverso il meccanismo del franchising. Per espandere la propria rete, oltre a sfruttare al meglio il network di Moovenda.com, che già consegna a casa i panzerotti ordinati online, Nonna Lia vuole infatti scommettere su nuovi imprenditori, desiderosi di mettersi alla prova e di aprire punti vendita nei poli più strategici d’Italia e d’Europa. Per questo, a chi deciderà di accettare la sfida, Nonna Lia garantisce collaborazione nell’individuare la migliore location, supporto nell’iter burocratico pre-apertura, nella progettazione del negozio, del laboratorio e dell’immagine coordinata, e poi assistenza nella predisposizione del Business Plan e nella preparazione della gestione amministrativa. Info: info@nonnalia.it

Articoli Correlati

«Mi sono laureato in filosofia a 82 anni»

La storia di Italo Spinelli, neo dottore all'Università di Macerata

«La mia lotta quotidianaper i popoli indigeni»

L'attivista per i diritti umani Nara Barè si racconta a Metro

«Fossi stata più giovanesarei rimasta in Africa»

Nonna Irma, 93 anni, racconta la sua esperienza di tre settimane in Kenya