Unghie sempre più in vista ma attenzione alle infezioni

  • Salute

SALUTE. Unghie sempre più in vista e sempre più a rischio. Soprattutto nel gentil sesso che trasforma sempre più spesso le estremità di mani e piedi come vere e proprie tele su cui dipingere piccoli grandi capolavori. È la nail art e a volte è davvero creatrice di opere d’arte di pochi centimetri. L’importante è che sia fatta a regola d’arte, appunto. E che l’unghia non sia bersaglio di manovre aggressive, con prodotti scadenti. Altrimenti il risultato non sarebbe affatto gradevole, con un’infezione in agguato. La più diffusa di tutte è l’onicomicosi,  in netto aumento in questi ultimi anni: interessa il 10% delle persone, percentuale che sale fino al 15, 20% nelle donne fra i 40 e i 60 anni. Che sono le principali vittime del “malessere graffiante” a causa di smalti permanenti, solventi, ricostruzioni e manicure improvvisate. Ma anche: scarpe strette, tacchi alti, ambienti caldo-umidi come piscine o centri termali. Come sottolinea Antonino di Pietro presidente dell’International Society of Plastic-Regenerative and Oncologic Dermatology): «L’onicomicosi è la più comune delle infezioni fungine che insorge a causa dell’attacco di lieviti, muffe ma soprattutto di un fungo. Questo riesce a penetrare nell’unghia attraverso microfessure e crepe, abbattere la cheratina, sostanza di cui è principalmente costituita, nutrirsene per crescere più velocemente, arrivando fino a modificare il PH dell’unghia che, da acido, diventa alcalino». 
Ecco allora che da sana, ovvero liscia, trasparente rosea e regolare diventa fragile e sottile, deformata, opaca. E può essere la spia di qualche carenza dell’organismo alla quale fare attenzione. Per esempio delle macchiette nere possono evidenziare piccole emorragie causate da un trauma. Striature o solchi, invece, indicano una scarsa presenza nella dieta di vitamine e sali minerali, soprattutto di ferro e di zinco.    

LUISA MOSELLO

Articoli Correlati

Novembre Azzurro, campagnasul tumore alla prostata

Per una settimana il Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo e la statua del Discobolo si illuminano di azzurro

Sonno perso, troppo ci costa recuperarlo

Uno studio rivela che per pareggiare il debito di sonno spendiamo due anni di tempo libero

Sempre più giovani con disturbi dell’udito

Il problema dei deficit uditivi è un problema sanitario, sociale ed economico molto piú diffuso di quanto si immagini.