Ban-up, ecco il paradiso delle startup

  • Lavoro

LAVORO. Più di un business angel e più di un incubatore. Il nuovo paradiso delle startup è Ban-up. «Rappresenta l’intera filiera di cui ha bisogno uno startupper: la società è composta da operatori economici con diverse competenze: business angel, imprenditori, legali e professionisti» spiega a Metro Angelo Bonissoni, Managing Partner CBA. Assomiglia ad un incubatore, ma è di più «c’è un tutor, che ti dice: “il tuo prodotto è fichissimo, ma al mercato non interessa”. Oppure: “è bello, ti dotiamo di una struttura completa: dagli uffici al brevetto che protegge il marchio”. Cerchiamo la soluzione migliore per la creazione della società e cerchiamo di capire come andare a chiedere un finanziamento» continua. Ban-up permette ai giovani “startuppari” di arrivare all’ultimo livello prima di proporsi sul mercato. «Sappiamo che spesso chi ha un’idea non ha i fondi per pagare i consulenti. Ban-up può decidere di investire nel progetto: anziché pagarmi, mi dai una quota della tua società e se deciderai di venderla alla fine, ci sarà un exit». Obiettivo fondamentale della società fondata a Milano da Paolo Anselmo, Dario Caleffi e Luca Canepa insieme allo studio di Bonissoni, CBA è «far arrivare queste nuove imprese sul mercato internazionale. Il mondo della tecnologia è globale» continua il socio fondatore. In Ban-up ci sono già operatori francesi, tedeschi, irlandesi, israeliani e americani. Del resto Bonissoni lo ripete spesso ai suoi 4 ragazzi: «Siete figli del mondo. La bandiera non può essere una barriera, allora devi per forza pensare a livello globale». E lo stesso vale per le startup di Ban-up.  

METRO

Articoli Correlati

Cassazione: mobbingpuò diventare lesioni

Confermata condanna per un datore di lavoro che aveva vessato un dipendente scatenando una patologia psichiatrica

Governo, sugli 8000 postiè battaglia con Boeri

Di Maio evoca il complotto. Tria: "Stime prive di prive di basi scientifiche"

Decreto dignità in Aulatra due settimane

Scontro sui voucher tra Lega e M5S. Visco invita alla prudenza e all'equilibrio sui conti