Padri affidatari in 20 anni più che raddoppiati

  • Famiglia

FAMIGLIA. In Italia, secondo l’Istat, su mille matrimoni, oltre il 30% finisce con una separazione o con una richiesta di divorzio. La situazione si complica quando fra ex moglie ed ex marito ci sono anche i figli da gestire. La riforma introdotta dalla legge 8 febbraio 2006 n. 54 ha imposto come regola generale quella dell’affidamento congiunto dei figli minorenni a entrambi i genitori, stabilendo che «entrambi i genitori devono partecipare in egual misura alla crescita dei figli». «Una direttiva che però, a distanza di 10 anni dall’introduzione della norma, non trova ancora un riscontro pratico - spiega l’avvocato Lorenzo Puglisi, Presidente e fondatore dell’associazione Familylegal - L’affido dei minori privilegia ancora le madri, mentre il padre è troppo spesso costretto a vedere i figli una-due volte a settimana, o nei due classici week-end al mese». Secondo i dati raccolti da Caritas nel 2014, più del 60% dei padri separati o divorziati ha denunciato un peggioramento dei rapporti con i figli con riferimento al tempo di qualità trascorso con loro. Un'anomalia confermata anche dalla Corte Europea dei diritti dell'uomo che nel 2013 (cfr. Cedu, sez. II, 29.1.2013, Affaire Lombardo c/Italia) ha condannato l'Italia per non aver garantito il diritto alla bigenitorialità, impedendo a un padre separato di esercitare il naturale rapporto familiare con la figlia. 

Tutela della genitoralità

«La domanda che è doveroso porsi è: cosa è stato fatto negli ultimi tre anni per evitare una nuova condanna? Si parla molto di istituti come l’adozione coparentale o la surrogazione, ma ci si dimentica che in un Paese come il nostro la tutela della genitorialità non può considerarsi scontata e va continuamente alimentata per impedire il verificarsi di discriminazioni fondate su pregiudizi per lo più anacronistici».

Divario Nord-Sud

La situazione fra Nord e Sud non è uniforme e l’approccio spesso opposto dei Tribunali in materia è confermato dai dati: secondo una ricerca della Città Metropolitana di Milano nel 1996 solo il 7% dei figli veniva collocato presso i padri. «Ad oggi, a distanza di 20 anni, si stima che la percentuale sia più che duplicata, arrivando a circa il 16%, senza considerare che in molti casi il collocamento presso la madre non esclude che il padre tenga i figli 3/4 giorni alla settimana riducendosi di fatto a un collocamento alternato», specifica Puglisi. 

Il mantenimento

Questa tendenza si riflette anche sull’entità dell’assegno di mantenimento stabilita dal giudice: «Proprio il fatto che i papà non si limitino più a vedere i propri figli nei cosiddetti “fine settimana alternati”, ma in molti casi li vadano a prendere a scuola tenendoli 2-3-4 pomeriggi alla settimana sino all’ora di cena, porta inevitabilmente a una rimodulazione dell’assegno mensile, in certi casi addirittura con tagli del 70%». Alla luce di questa evoluzione, le sentenze di certi tribunali risultano ancor più anacronistiche, poiché nel panorama globale assistiamo a una equiparazione sempre più netta dei ruoli parentali, tale da stravolgere tutti i luoghi comuni del passato. Di fatto stiamo siamo di fronte a una trasformazione radicale del ruolo dei papà.

METRO

Articoli Correlati

Genitori alle presecon il primo distacco dal bebè

Il vademecum stilato da top Doctors

Divorzio, l'assegnoricambia così

Le sezioni unite civili della Cassazione: «Bisogna tenere conto dell’apporto dato da ciascun coniuge alla vita familiare comune»

Gay, Tiziano Ferrocontro ministro Fontana

Il cantante: «Non voglio sostegno ma non voglio sentirmi invisibile»