Maxi voragine Evacuati in 50

  • ROMA VORAGINI

ROMA È stato l’inquilino di un piano terra ad accorgersi del buco nero che occhieggiava dal vialetto che unisce le due palazzine Ater in via di Centocelle 3, scoprendo, poco dopo mezzanotte, l’apertura di una voragine profonda oltre 20 metri. «Non riuscivamo a vedere il fondo» ha raccontato uno dei residenti.

La buca, larga circa 3 metri, ha subito fatto scattare i controlli dei vigili del fuoco, che assieme ai volontari della protezione civile hanno evacuato gli abitanti delle due palazzine: 14 famiglie, circa 50 persone che hanno passato la notte tra Pasqua e Pasquetta nelle strutture messe a disposizione dal Comune o in casa di parenti.

La voragine si è rivelata a causa di una perdita d’acqua, segnalata dai residenti ad Acea un mese fa. Il personale della municipalizzata era intervenuto solo pochi giorni fa, spiegando di non essere riuscito a individuare la perdita, per la quale sarebbero tornati con un macchinario in grado di sondare il sottosuolo. Ma la scorsa notte la tubatura rotta, che insisteva sopra la volta di un’enorme cavità, ha aperto lo squarcio nel sottosuolo.

Per precauzione nella giornata di ieri Acea e Italgas hanno staccato acqua e metano anche alle palazzine adiacenti, dieci in tutto. E ora resta da capire quanto tempo ci vorrà per rendere di nuovo agibili i due edifici.

Le cavità sotterranee
La zona dove si è aperta la voragine, tra Centocelle, Tor Pignattara e il Quadraro, insiste su un territorio di origine vulcanica, interessato da moltissime cavità. «Faremo di tutto per velocizzare il rientro degli inquilini» ha spiegato il presidente del Municipio V, Gianmarco Palmieri, ma i tempi non sono certi. Secondo la polizia municipale non è escluso che si debba lavorare per consolidare il terreno.
Negli anni passati sono state tante le voragini che si sono aperte in questo quadrante di Roma, per il quale il Comune non ha un quadro esaustivo. Nel 2012 in via Dulceri una voragine inghiottì due auto in sosta, mentre nel 2013 in via Filarete, si aprì un cratere riparato dopo due anni.

PAOLO CHIRIATTI

Articoli Correlati

Emergenza voragini83 in meno di sei mesi

I rilievi effettuati da Ispra, Autorità di distretto geografico dell'Appennino centrale e ItaliaSicura