Risorse in rete per ripulire Roma

  • WAKEUP ROMA

ROMA Il 12 marzo si avvicina, e con lui l’appuntamento per ripulire sei luoghi della Capitale: piazza di Porta Maggiore, piazza Vittorio Emanuele II, Villa Paganini e Piazza Anco Marzio a Ostia. È Wakeup Roma, l’iniziativa nata grazie alla sinergia tra il mondo delle startup, rappresentato da LUISS ENLABS, e Retake Roma. Il primo è tra i più importanti acceleratori di startup a livello europeo, nato nel 2013. Il secondo è il movimento spontaneo che dal 2009 ripulisce angoli della Capitale nei fine settimana, e conta oltre 60 gruppi di zona sparsi in altrettanti quartieri e migliaia di volontari. Insieme hanno dato vita a un’importante campagna di crowdfoundig con l’intento di rendere “virale” il senso civico dei romani.

La genesi del progetto
L’idea di dare più forza e visibilita al popolo di Retake Roma è nata alla stazione Termini, dove hanno sede gli uffici di LUISS ENLABS. L’incubatore di idee e tecnologie, stanco del degrado della zona, e di tanti altri pezzi di città, ha deciso di coinvolgere Retake Roma, dando  il via alla campagna di crowdfounding. Chiunque può donare online attraverso il sito www.derev.com/wakeuproma.

Finora è stato raccolto circa il 60% dei 10 mila euro fissati come obiettivo per finanziare la giornata del 12 marzo. E le donazioni sono premiate con gli omaggi dei media partner dell’iniziativa. Tra questi ci sono l’AS Roma, il Fondo per l’Ambiente Italiano, il Car Sharing del Comune, oltre naturalmente a LUISS ENLABS. «Tutta la società, compresi i giocatori, hanno aderito con entusiasmo. Su Roma Tv abbiamo segnalato Wakeup Roma con diversi spot» hanno spiegato dallo staff dell’AS Roma.

PAOLO CHIRIATTI

Articoli Correlati

Con Retake in 3.000per ripulire la Capitale

La giornata straordinaria in collaborazione con Luiss Enlabs e Wakeup Roma ha portato tanti romani tra piazza Vittorio, Porta Maggiore, Villa Paganini e Ostia