Memoria, fa cilecca quella degli obesi

  • Salute

SALUTE. Grasso non è bello, soprattutto quando l’eccesso di peso diventa obesità. E non lo è neanche per la mente, che ne viene influenzata negativamente, fino ad incidere sulla memoria. Che, mentre i chili aumentano, cala. Come ha confermato uno studio recente dell’Università di Cambridge, pubblicato sulla rivista Quarterly Journal of Experimental Psychology. Dai dati raccolti è emerso che ad un alto indice di massa corporea corrisponde una riduzione della memoria cosiddetta episodica che produce ricordi confusi e instabili soprattutto riguardo ad esperienze del passato. Già in precedenza alcune ricerche sul tema avevano dimostrato che i topolini in sovrappeso raggiungevano punteggi inferiori in quanto a memoria, ma non erano mai stati testati degli esseri umani. Nel nuovo studio sono state esaminate cinquanta persone con un indice di massa corporea che va da 18 (sano) a 51 (molto obeso). Tutte sono state sottoposte a un test di memoria: dovevano nascondere oggetti virtuali in tempi e scene diverse sullo schermo di un computer. In seguito, sono state invitate a ricordare quello che avevano nascosto e dove e quando lo avevano fatto. I risultati hanno mostrato che le persone obese avevano meno memoria ottenendo punteggi inferiori del 15% rispetto a coloro che erano più magri e decisamente più in forma. 

«Quello che abbiamo suggerito - ha detto Lucy Cheke, una delle autrici dello studio - è che più è alto l'indice di massa corporea e più si ha una certa riduzione della vividezza della memoria, ma non la creazione di spazi vuoti o amnesia». Secondo i ricercatori, è valido anche l’invero e cioè che una memoria episodica meno vivida del solito potrebbe contribuire a sua volta all’obesità. Accade infatti che le persone in sovrappeso spesso tendono a dimenticare il pranzo recente e  quindi, avendo una minore capacità di regolazione per i pasti successivi, finiscono col mangiare ancora di più.

LUISA MOSELLO

 

Articoli Correlati

Novembre Azzurro, campagnasul tumore alla prostata

Per una settimana il Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo e la statua del Discobolo si illuminano di azzurro

Sonno perso, troppo ci costa recuperarlo

Uno studio rivela che per pareggiare il debito di sonno spendiamo due anni di tempo libero

Sempre più giovani con disturbi dell’udito

Il problema dei deficit uditivi è un problema sanitario, sociale ed economico molto piú diffuso di quanto si immagini.