Insigne, rapina choc Oggi assalto alla Fiorentina

  • Calcio

CALCIO «Il prossimo gol a Firenze dedicalo a  me». È la frase pronunciata a Lorenzo Insigne da uno dei due  rapinatori che sabato sera hanno sorpreso il calciatore e la moglie  rapinandoli. L'episodio è avvenuto intorno a mezzanotte in viale  Gramsci, nella zona di Piedigrotta. Insigne, in compagnia della moglie e di alcuni amici, era in auto fermo al semaforo quando si sono  affiancati i due rapinatori a bordo di una moto. Il rapinatore armato di pistola ha costretto il giocatore a cedergli  un Rolex, due bracciali con diamanti e circa 800 euro in contanti.  Scappando ha quindi rivolto a Insigne l'insolita richiesta.
L’episodio di cronaca, fortunatamente, si è risolto solo con un comprensibile spavento del calciatore partenopeo. Non dovrebbe influenzare, quindi la prestazione di Insigne e dei suoi compagni, chiamati stasera (ore 21) a un impegno-clou. Il Napoli è chiamato a una prova maiuscola contro la Fiorentina, al “Franchi”. Dopo aver perso con la Juventus, ed essersi fatti imporre l’1-1 dal Milan più tosto della stagione, gli uomini di Sarri devono per forza vincere, se vogliono ancora accarezzare il sogno di tener testa ai bianconeri, che ieri sera hanno trovato tre punti battendo l'Inter 2-0. È stato lo stesso Paulo Sousa, ieri, a dirlo chiaro, con franchezza. Il tecnico dei viola, che fra l’altro sono “alleggeriti” (sia pure amaramente, vista l’eliminazione subita dal Tottenham) dagli impegni di Europa League, ha osservato: «Il Napoli arriva peggio di noi a questa sfida, perché ha il dovere di vincere il campionato, di andare in Champions e quindi di conquistare i tre punti».
La posta in gioco, per i Viola, non è molto da meno: c’è da scavalcare la Roma, avanti di un solo punto, e consolidare le amizioni per il terzo posto che varrebbe l’Europa che conta. «Non ci siamo mai nascosti circa la volontà di lottare per il terzo posto», continua Sousa, «vogliamo competere con i migliori».
I precedenti? Il Napoli ha vinto l’andata, 2-1 (Insigne, Kalinic, Higuain), e qualcosa come quattro delle ultime cinque sfide, in totale.

METRO

Articoli Correlati

Quando l'allenatoremi scivola sul tifo

Capita spesso che un allenatore dica di essere stato «sempre tifoso» della squadra che allena. Ma è possibile? È vero? I casi più dubbi.

Lazio con Caceresper puntare al terzo posto

Complice lo scontro diretto tra Inter e Roma, gli uomini di Inzaghi -che ospitano il Chievo- potrebbero approfittarne e scavalcare l'Inter al terzo posto

Juventus, due buoni motiviper temere il Genoa

Higuain non segna da 527' e dopo le ultime due soste la squadra è stata battuta: prima dalla Lazio e poi dalla Sampdoria.