Al via da domani Milano Moda Donna

MILANO Si apre con l’arrivo del premier Matteo Renzi e si chiude con “A sustainable drink for a sustainable fashion”, nel quale la Camera nazionale della Moda presenterà la propria strategia sulla sostenibilità, dall'utilizzo delle sostanze chimiche fino  all'environment, alla tracciabilità e alla sostenibilità sociale.

Nel mezzo, la Milano Fashion Week, al via il 24 febbraio. Le passerelle, riflettori accesi fino al 29 febbraio, ospiteranno tutti i modelli “must” per l’autunno/inverno 2016 - 2017: 73 sfilate, 98 presentazioni, 16 presentazioni al Fashion Hub Market, 9 presentazioni su appuntamento e 19 eventi, per un totale di 184 collezioni.

Il calendario si apre mercoledì con  Blugirl, Genny, Simonetta Ravizza, Gucci, Alberta Ferretti, N.° 21, Fausto Puglisi, Francesco Scognamiglio e Roberto Cavalli.

Giovedì tocca a Max Mara, Costume National, Luisa Beccaria, Fendi e I’M Isola Marras. Poi Anteprima, Emilio Pucci, Les Copains, Cristiano Burani, Prada, Daniela Gregis, Byblos Milano e Moschino.

La giornata di venerdì vede sotto i riflettori i modelli firmati da Diesel Black Gold (che sfila per la prima volta così come  Atsushi Nakashima, Ujoh, designer ospite di Armani, Lucio Vanotti e Piccione.Piccione), Emporio Armani, Uma Wang, Sportmax, Etro, Iceberg, Marco De Vincenzo, Tod’s, Elisabetta Franchi, Aigner e  Versace.

Il fine settimana si inaugura con la sfilata di Bottega Veneta. A seguire, fra gli altri, Antonio Marras, Jil Sander,  Richmond, Laura Biagiotti, Stella Jean,  Trussardi, Missoni. Lunedì gran finale con, fra gli altri, Dsquared2, e Giorgio Armani.
  

Ecco le  anticipazioni di Aigner
La maison con sede a Monaco di Baviera ha dato in esclusiva a Metro i bozzetti della collezione A/I 2016-2017 che sfilerà venerdì alle 19 in piazza Lina Bo Bardi 1

Montagne, foreste, laghi e paesaggi ghiacciati, immersi nel silenzio. Tutto questo fa da sfondo  alla collezione di Aigner. Le vette cristalline, i colori e i materiali della natura più pura e incontaminata si sposano con il loro contrasto: le architetture moderne, i tagli puliti, le linee strutturate. Da questo trae ispirazione  il creative director Christian Beck della Maison per la nuova collezione, “epic Heights” che gioca con influenze grunge degli anni Novanta, mixandole a un twist lussuoso ed elegante.

Particolare sguardo agli accessori. Focus su “Tonda”, una borsa circolare realizzata in due dimensioni, nei colori nero e oro, con dettagli in pelliccia, ispirata all'archivio storico di Aigner. Accanto, l’icona “Cybill Special”, disponibile in nero, bordeaux, blu navy e tortora e nelle nuove versioni grigio piuma, verde bosco e legno di rosa.

Tornando a parlare degli abiti, la combinazione di tinte unite e fantasie grafiche caratterizzano le silhouette casual e fluide, con predominanza di pelliccia e dettagli in tema, come i tacchi scultura in pietra. Le forme sono fondamentali: sagome a clessidra per giacche e abiti, tubini eleganti e felpe con cappucci oversize. I ricami di paillettes, realizzati su misura a mano in Svizzera, sono usati a contrasto con lana cotta, pizzo, pelle scamosciata e flanella, per un mix ctra selvaggio e moderno. 

PATRIZIA PERTUSO