I papà ce la possono fare In rete c’è #sharingdaddy

  • Famiglia

Famiglia.  «I padri ce la possono fare». Francesco Facchini è un giornalista, papà di un bambino di tre anni e mezzo. È un papà single. Non il papà del fine settimana, ma «un padre al 100%». Francesco ha appena avviato un bellissimo progetto sul web. Un blog (www.francescofacchini.it) che parla di padri, di padri che, appunto, «ce la possono fare».  

#sharingdaddy: cosa c’è dietro a questo hashtag e al tuo progetto?

La premessa è che sono di fronte a un viaggio paurosissimo, pari a un viaggio su Marte, con un lavoro non canonico e un figlio da tirare sù. Essere bravi papà da soli, non in coppia intendo, è cosa complicata. Ecco perché ho pensato a questo blog come a un manuale di sopravvivenza positiva. Perché #sharingdaddy? Per condividere, cercare soluzioni, imparare, confrontarmi sul tema della monogenitorialità maschile. Per far ridere, pensare, per raccontare, per trovare un modo di fissare i ricordi e le memorie di un periodo particolare (l’inizio della vita da genitore single)  e che potrebbe essere d’aiuto a molti.  

Non ci sarà posto per la negatività insomma?

Positività al primo posto. Sul blog si troveranno solo esperienze raccontate e ricerca delle soluzioni condivise, gioia per la soluzione trovata.

Persino un video-tutorial: “Come si vince la guerra coi vetri”....

Negativià vietata, maben accetta l’ironia. Fra le tante inettidutini del padre single nella giungla di stereotipi correnti vi è la sua completa deficienza nell’eseguire i lavori di casa. Deficienza che raggiunge il culmine quando il malcapitato #sharingdaddy si presenta di fronte ai luridissimi vetri di casa sua. Che fare per pulirli? A questo ho pensato con quel post. Negatività vietata, ma ironia ben accetta! 

I padri ce la possono fare, come?

Uno strumento indispensabili   per il viaggio del papà che ce la fa è la paura. Se sei un genitore single hai un solo additivo per poter imparare il mestiere al doppio della velocità degli altri: la strizza. Per superarla occorre fare sharing, condividere esperienze cercare soluzioni.

s.b.

Articoli Correlati

Genitori alle presecon il primo distacco dal bebè

Il vademecum stilato da top Doctors

Divorzio, l'assegnoricambia così

Le sezioni unite civili della Cassazione: «Bisogna tenere conto dell’apporto dato da ciascun coniuge alla vita familiare comune»

Gay, Tiziano Ferrocontro ministro Fontana

Il cantante: «Non voglio sostegno ma non voglio sentirmi invisibile»