I “Cats” graffiano sul palco del Regio

  • Torino/Musical

TORINO  Per la prima volta uno dei titoli più famosi del musical, “Cats”, basato sulle poesie scritte dal premio Nobel della letteratura Thomas Stearns Eliot e con le musiche di Andrew Lloyd Webber, sbarcherà per sei recite, dal 25 al 28 febbraio, al Teatro Regio.

I celebri gatti della tribù dei Jellicle invaderanno il palcoscenico, danzando e cantando nella versione originale in lingua inglese del 1981 con tanto di orchestra dal vivo. Si tratta di una delle tappe del tour italiano “Let the Memory Live Again – Tour 2016”, originariamente prodotto da Cameron Mackintosh e The Really Useful Group Limited, che vedrà riunito, per l’occasione, il team creativo originale, dal regista Trevor Nunn alla regista associata e coreografa Gillian Lynne, dallo scenografo John Napier al compositore Andrew Lloyd Webber che ne ha rivisto alcuni brani.

Sul palco la magia di uno spettacolo che ha battuto tutti i record di longevità, spettatori e incassi, applaudito da oltre 73 milioni di persone in trecento città in tutto il mondo.

Con un’incredibile colonna sonora che include l’indimenticabile “Memory”, si vedranno scenografie spettacolari, splendidi costumi e coreografie mozzafiato per rivivere la speciale notte dell’anno in cui tutti i gatti Jellicle si incontrano al Ballo dove il loro capo sceglie e annuncia chi di loro salirà al livello Heaviside per rinascere a nuova vita.

E, questa volta, ci sarà anche un italiano nel cast, il performer Greg Castiglioni nei panni di Bustopher Jones, il gatto gourmet, Gus, il gatto del teatro, e Growltiger, il gatto pirata (Info: 011 8815241).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Il musical Mamma Mia sbarca al Teatro Colosseo

Da stasera al 3 dicembre nella versione firmata da Massimo Romeo Piparo

Le suore canterine di “Sister Act” all’Alfieri

Il musical di Saverio Marconi vede tra i protagonisti anche Suor Cristina

Il sogno di Billy Elliot arriva al Teatro Colosseo

Il grande musical interpretato da Alessandro Frola fino al 31 gennaio a Torino